Il PCI a fianco di docenti e studenti delle Scuole di Arti e Mestieri di Roma

di redazione
ipsef

item-thumbnail

PCI – Il Partito Comunista Italiano denuncia la gravissima situazione in cui versano le Scuole di Arti e mestieri della Capitale che ad oggi non hanno ancora potuto avviare i loro corsi per la mancata assunzione dei docenti.

Questi ultimi che, negli scorsi anni avevano dovuto accettare contratti occasionali di vario genere, da cococo a cocopro, a partita iva, pur lavorando con un orario fisso e ricevendo lo stipendio con mesi e mesi di ritardo, si ritrovano quest’anno senza contratto.

All’impossibilità da parte del Comune di Roma di assumere un numero adeguato di docenti a tempo indeterminato, dovuta vincoli imposti agli enti territoriali dal patto di stabilità voluto dalle istituzioni europee, si è aggiunto infatti quest’anno il decreto Madia, che impedisce contratti precari nel pubblico impiego. Questi due vincoli legislativi hanno causato certamente una situazione di stallo, ma a questa l’amministrazione Raggi, come è ormai prassi, non ha voluto o saputo trovare soluzione.

Il lassismo dell’amministrazione comunale, andandosi ad aggiungere alle politiche dell’ Unione Europea e del governo italiano di diminuzione e di imbrigliamento della spesa sociale ed in particolare di quella rivolta all’educazione, è riuscito a demolire un vanto della formazione artistica nato con Roma Capitale nel 1871: oltre un secolo di vita distrutto in pochissimi anni.

Il Partito Comunista esprime la propria solidarietà e il suo sostegno agli artigiani e agli artisti che insegnano nelle scuole e ai loro studenti e viva preoccupazione per la possibile chiusura di una istituzione educativa in cui molti artisti, orafi, ebanisti e artigiani romani hanno trovato maestranza e formazione.

Le Scuole di Arti e Mestieri sono per noi una ricchezza per l’intera città e ci impegneremo perché si apra uno spazio di trattativa con il Comune che porti a una soluzione contrattuale per i docenti e alla possibilità per gli studenti di portare avanti il loro percorso formativo.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione