Patti educativi di comunità, manifestazione di interesse. Scadenza ore 18 del 15 giugno: gli allegati

Stampa

Il Ministero dell’Istruzione, con Decreto Dipartimentale n. 192 del 17/02/2021 del “Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione” ha stanziato – per l’esercizio finanziario 2021 – una somma pari complessivamente, al netto di quella destinata al finanziamento dei progetti già approvati, ad euro 670.182,33, al fine di incentivare la realizzazione dei patti di comunità, ai sensi dell’articolo 32, comma 2, lettere b), del decreto-legge 14 agosto 2020, n.104.

Le istituzioni scolastiche sono chiamate a stipulare accordi con gli Enti Locali

Com’è noto, infatti, nel corso del corrente anno scolastico 2020/2021, le istituzioni scolastiche sono chiamate a stipulare accordi con gli Enti Locali, contestualmente a specifici patti di comunità e di collaborazione, anche con le istituzioni culturali, sportive e del terzo settore o ai piani di zona, opportunamente integrati, di cui all’articolo 19 della legge 8 novembre 2000, n. 328, al fine di ampliare la permanenza a scuola degli allievi, alternando attività didattica ad attività ludico-ricreativa, di approfondimento culturale, artistico, coreutico, musicale e motorio-sportivo, in attuazione di quanto disposto dall’articolo 1, comma 7, della legge 13 luglio 2015, n. 107.

Le alleanze educative

Tali patti danno applicazione ai principi costituzionali di solidarietà (articolo 2), comunanza di interessi (articolo 43) e sussidiarietà orizzontale (articolo 118, comma 4), per rafforzare alleanze educative, civili e sociali di cui la scuola è il perno ma non l’unico attore. Mediante gli stessi, le Scuole possono avvalersi del capitale sociale espresso da realtà differenziate presenti sul territorio (culturali, educative, artistiche, ricreative, sportive, parti sociali, produttive, terzo settore), arricchendosi in tal modo dal punto di vista formativo ed educativo.

Piano Scuola Estate 2021 – Un ponte per il nuovo inizio

La nota ministeriale prot. n. 643 del 27/04/2021, descrittiva delle azioni connesse al “Piano Scuola Estate 2021 – Un ponte per il nuovo inizio”, ha posto l’attenzione sulla funzione strategica dei “Patti educativi di comunità”, quale modalità attraverso cui il territorio si rende sostenitore, d’intesa e in collaborazione con la scuola, della fruizione del capitale sociale espresso dal territorio medesimo.

A tal fine, questa Direzione Generale intende acquisire, pertanto, le manifestazioni di interesse delle Istituzioni scolastiche che vogliano attivare i patti di comunità e che non abbiano già ottenuto il finanziamento partecipando al precedente bando indetto con Avviso prot. n. 31628 del 30 novembre 2020.

Il progetto organizzativo

La manifestazione di interesse dovrà essere corredata da un progetto organizzativo, pedagogico e didattico, sostenuto da collaborazioni significative gli Enti locali, le istituzioni pubbliche e private variamente operanti sul territorio, le realtà del Terzo settore, legato anche alle specificità e alle opportunità territoriali, che integri la didattica ordinaria.

Le candidature dovranno essere inoltrate entro le ore 18 del 15 giugno 2021 esclusivamente attraverso la casella PEC di questa Direzione Generale [email protected], allegando – a pena di decadenza – i seguenti atti:

  • Manifestazione di interesse (all. 1);
  • Piano finanziario debitamente compilato (all. 2);
  • Relazione descrittiva del progetto;
  • Patto di comunità formalizzato.

Possono partecipare al presente Avviso, le istituzioni scolastiche in relazione a patti di comunità già formalizzati o la cui formalizzazione è prevista entro la scadenza dell’Avviso sopra indicata.

Le candidature presentate entro i termini e corredate degli allegati sopra indicati saranno oggetto di valutazione comparativa al fine di evidenziare gli elementi qualitativi legati:

  • Alla coerenza dell’accordo formalizzato con le finalità del “Piano Scuola 2020-21”
  • All’impatto sull’arricchimento dell’offerta formativa e sulla prevenzione del disagio e della povertà educativa.
  • Al grado di apertura al territorio e alla capacità del patto di valorizzare le peculiarità dello stesso.
  • Al grado di integrazione tra le attività didattiche “tradizionali” e quelle complementari, dalle quali emerga con chiarezza il progetto organizzativo, pedagogico e didattico;
  • Alla coerenza tra il progetto e le risorse finanziarie richieste con la manifestazione di interesse.

L’aspetto finanziario

Quanto agli aspetti di natura finanziaria correlati allo svolgimento dei progetti, si invitano codesti Istituti a fare riferimento, per analogia rispetto alle attività finanziabili con le risorse oggetto del presente Avviso, alle indicazioni fornite dalla “Direzione Generale per le risorse umane e finanziarie” del Ministero dell’Istruzione con nota prot. n. 11653 del 14/05/2021, recante le prime indicazioni rispetto all’impiego dei fondi di cui all’art. 31, comma 6 del D.L. 22 marzo 2021, n. 41 “c.d. Decreto sostegni” (Misure per favorire l’attività didattica e per il recupero delle competenze e della socialità delle studentesse e degli studenti nell’emergenza Covid-19), a cui si fa rinvio.

Piano finanziario del Progetto

Manifestazione di interesse

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata