Patriarca di Venezia e Cardinale Bagnasco insieme per chiedere finanziamenti alle scuole non statali

di
ipsef

red – Scisma d’Oriente a parte, il Patriarca di Venezia, mons. Francesco Moraglia, e il Cardinale Bagnasco, arcivescono di Genova e presidente della Cei, chiedono allo Stato italiano una maggiore attenzione per le scuole non statali.

red – Scisma d’Oriente a parte, il Patriarca di Venezia, mons. Francesco Moraglia, e il Cardinale Bagnasco, arcivescono di Genova e presidente della Cei, chiedono allo Stato italiano una maggiore attenzione per le scuole non statali.

Mons. Moraglia lancia il suo grido d’allarme, dopo aver chiesto agli uffici del patriarcato di radiografare la situazione delle scuole veneziane, dalle scuole dell’infanzia a quella primarie. "C’è una difficoltà crescente – ha affermato – nel riuscire a gestire queste strutture a causa di una mancanza di certezza circa le risorse. Nella realtà veneziana abbiamo tanti asili parrocchiali e i parroci non riescono più, dopo uno o due anni, anche aiutandosi con la parrocchia, a tenere in piedi queste strutture."

Contemporaneamente, da ovest, anche il cardinale Bagnasco, intervenendo al convegno degli insegnanti cattolici nel capoluogo ligure, aizzava il pulpito sottolineando "che in Italia 7,7 mln di alunni frequentano la scuola statale e 740 mila le scuole cattoliche, meno del 10%, eppure come è stato più volte dimostrato le scuole paritarie consentono allo Stato di risparmiare 5,5 miliardi di euro l’anno poichè lo Stato versa loro meno di 500 mln di euro, mentre i costi che dovrebbe sostenere se tutti quegli alunni frequentassero le scuole statali sarebbe di almeno 6 miliardi".

"Bisogna insistere – ha concluso – perchè lo Stato decida nella programmazione, di dare le risorse giuste alle scuole paritarie, riconoscendo nei fatti quello che ha già riconosciuto come principio, cioè che le scuole paritarie cattoliche e non fanno parte del sistema scolastico italiano: sono scuole pubbliche e non private".

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione