Patente e tessera sanitaria nello smartphone: parte la sfida di IT Wallet. Ecco chi sarà coinvolto da luglio

WhatsApp
Telegram

A partire dal prossimo mese, l’Italia si appresta a fare un grande passo verso la digitalizzazione dei documenti personali con l’introduzione di IT Wallet, un innovativo sistema di portafoglio digitale.

Tale strumento permetterà ai cittadini di conservare tutti i loro documenti digitali direttamente sull’app IO, accessibile tramite smartphone.

La sperimentazione inizierà con l’inserimento della patente di guida e della tessera sanitaria, con l’obiettivo di includere anche la carta d’identità elettronica entro la fine dell’anno. Il progetto, guidato dal Dipartimento per la Trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei ministri in collaborazione con l’Agenzia per l’Italia digitale (Agid), è finanziato con fondi del PNRR destinati alla digitalizzazione.

La prima fase di test coinvolgerà un campione rappresentativo della popolazione, selezionato in base a età, regione di provenienza e professione. Gli utenti dell’app IO riceveranno un avviso che li informerà dell’attivazione del portafoglio digitale per i documenti principali.

Entro settembre-ottobre 2024, la seconda fase di test allargherà l’accesso a un numero maggiore di cittadini, che potranno richiedere gratuitamente patente, tessera sanitaria e carta europea della disabilità in formato digitale, oltre a certificati con firma elettronica.

L’obiettivo del governo è rendere il portafoglio digitale pienamente operativo per tutti gli italiani all’inizio del 2025. Questo progetto si inserisce nel contesto più ampio dell’European Digital Identity (EUDI) Wallet, un sistema di riconoscimento organico valido per tutti i cittadini dell’Unione Europea, la cui implementazione è prevista a partire dal 2026.

IT Wallet promette di semplificare numerose operazioni quotidiane: sarà possibile acquistare farmaci con ricetta medica, attivare una SIM per smartphone o noleggiare un’auto, il tutto con pochi click e senza presentare documenti fisici. In futuro, il sistema potrà includere anche perizie, titoli e attestati tecnici, grazie alla collaborazione tra Stato e imprese private.

Per attivare IT Wallet, i cittadini dovranno scaricare l’app IO e accedere tramite Carta d’identità elettronica o SPID. La sicurezza sarà garantita da due livelli di validazione dei documenti, con lo scambio di dati senza intermediari per assicurare il controllo degli utenti sulle informazioni condivise.

La platea dei potenziali utenti comprende 44,5 milioni di italiani maggiorenni, ma molti, soprattutto tra gli anziani, non possiedono ancora gli strumenti necessari per l’accesso digitale. Inoltre, sarà fondamentale garantire la massima sicurezza contro possibili malfunzionamenti o intrusioni hacker.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri