04 Agosto 2020 - Aggiornato alle 09:42

Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Passaggio di ruolo e trasferimento: prevale il passaggio di ruolo, ma il trasferimento viene disposto prima

Per il docente che chiede trasferimento e passaggio di ruolo, il passaggio prevale. Nell’ordine dei movimenti si dispone prima il trasferimento

Una lettrice ci scrive:

Per l’anno 2020/2021 ho compilato due domande, una di trasferimento nell’ambito della scuola secondaria di primo grado e l’altra di passaggio di ruolo per la scuola secondaria di secondo grado. Ho espresso per le due domande le seguenti preferenze: uno per il trasferimento due per il passaggio di ruolo. È corretto che la scuola da me prescelta per il passaggio di ruolo, sia stata assegnata ad una docente con punteggio inferiore al mio , già appartenente alla scuola secondaria di secondo grado nella fase dei trasferimenti?

La nostra lettrice, avendo i requisiti per poterlo fare, ha partecipato alla mobilità presentando due domande, una di trasferimento e una di passaggio di ruolo dalla Secondaria I grado alla Secondaria II grado.

Si tratta di due movimenti che possono essere chiesti contemporaneamente, ma per i quali non è possibile indicare un ordine di priorità perché il passaggio di ruolo prevale sempre sul trasferimento

Riferimenti normativi

Il riferimento normativo è il CCNI sulla mobilità, dove nell’art.4 comma 6 si chiarisce quanto segue:

“ […] Nel caso di presentazione di domande di trasferimento, di passaggio di cattedra e di passaggio di ruolo, il conseguimento del passaggio di ruolo rende inefficace la domanda di trasferimento e/o di passaggio di cattedra o il trasferimento o passaggio di cattedra eventualmente già disposti.”

Se la nostra lettrice, quindi, fosse stata  soddisfatta nei due movimenti, il passaggio di ruolo ottenuto avrebbe annullato il trasferimento già disposto

Ordine dei movimenti

L’ordine con il quale vengono disposti i movimenti, è indicato nell’allegato 1 del contratto triennale sulla mobilità, dove sono raggruppati in tre fasi distinte.

La mobilità territoriale e professionale nel triennio di validità del contratto (2019/20-2020/21-2021/22) si colloca, infatti, nelle seguenti fasi:

I fase: Trasferimenti all’interno del comune

II fase: Trasferimenti tra comuni della stessa provincia

III fase: mobilità territoriale interprovinciale e  mobilità professionale

I trasferimenti, quindi, vengono disposti prima rispetto ai passaggi di cattedra e passaggi di ruolo, se si parla, in ambedue i casi, di mobilità provinciale

Conclusioni

Il trasferimento provinciale della docente che lo ha ottenuto è stato disposto prima rispetto ai passaggi di ruolo e questo a prescindere dal punteggio dei docenti interessati. Il punteggio vale per la stessa tipologia di movimento che rientra nella stessa operazione della sequenza operativa.

Non ha quindi alcuna influenza il punteggio superiore della nostra lettrice, il quanto il movimento da lei richiesto nella scuola assegnata in trasferimento all’altra docente è un passaggio di ruolo, movimento le cui domande sono valutate successivamente in base alla citata sequenza operativa del contratto

Ritorno a scuola. Il 14 settembre il riavvio in sicurezza, previsti nuovi spazi alternativi. Segui i corsi di Eurosofia sugli adeguamenti necessari