PAS: troppo costosi, troppo pesanti, troppo in ritardo

di Lalla
ipsef

red – Seppure avviati in molte Università, non si spegne l’eco delle polemiche attorno ai corsi di abilitazione all’insegnamento (PAS), gestiti dalle Università. A partire dal costo, oggetto di una interrograzione del Sen. Bocchino, alla didattica, che concentra in pochi mesi le attività di un anno accademico, ai ritardi con cui i corsi stessi sono avviati, che non mancherà di creare disparità tra i partecipanti della stessa classe di concorso in regioni diverse.

red – Seppure avviati in molte Università, non si spegne l’eco delle polemiche attorno ai corsi di abilitazione all’insegnamento (PAS), gestiti dalle Università. A partire dal costo, oggetto di una interrograzione del Sen. Bocchino, alla didattica, che concentra in pochi mesi le attività di un anno accademico, ai ritardi con cui i corsi stessi sono avviati, che non mancherà di creare disparità tra i partecipanti della stessa classe di concorso in regioni diverse.

L’associazione sindacale La Voce dei Giusti, in collaborazione con il Senatore Italo Bocchino, vice presidente della VII Commissione cultura al Senato, presenta un’interrogazione sulle illegittime modalità di allestimento dei PAS e sui costi. Leggi tutto

L’Associazione Adida conia l’acronimo Percorsi Abilitanti Surreali per definire la disparità, dal punto di vista didattico, nella preparazione. Leggi tutto

Alcuni docenti sono stati costretti a licenziarsi per frequentare il PAS, o comunque si gestiscono i permessi per diritto allo studio con grande stress anche per la scuola. Lettera in redazione

E poi ci sono i corsi ancora non avviati. Venerdì 28 marzo si svolgerà a Napoli un presidio dei precari di educazione e strumento musicale affinchè l’USR individui le soluzioni idonee per permettere a tutti di conseguire l’abilitazione. Leggi tutto

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione