PAS secondaria: accesso senza selezione in ingresso. Ma decreto si allontana

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il PAS, il corso di abilitazione per l’insegnamento nella scuola secondaria di I e II grado rivolto ai docenti con tre anni di servizio negli ultimi otto, potrebbe essere scorporato dal Decreto Scuola che Fioramonti presenterà al primo Consiglio dei Ministri utile.

PAS secondaria: i requisiti

Secondo quanto riferito finora al PAS possono accedere i docenti in possesso del seguente requisito:

  • tre anni di servizio negli ultimi otto (dal 2011/12 al 2018/19) nelle scuole secondarie statali, paritarie e nei centri di formazione professionale relativamente ai corsi per l’obbligo scolastico.
    I dottori di ricerca accedono invece in virtù del titolo, senza servizio.

Il servizio, dunque, dovrebbe essere prestato solo nella scuola secondaria, escludendo i docenti di ruolo infanzia e primaria.

Al PAS dovrebbero poter accedere tutti i docenti in possesso del requisito, ma con scaglionamento in più anni accademici nelle Università e per le classi di concorso con più aspiranti.

L’accesso ai PAS – secondo la nuova formulazione targata Fioramonti – non dovrebbe avere selezione ma graduare in base alla durata del servizio e per titoli.

Perché il PAS si allontana

Secondo quanto riferito ieri, il PAS potrebbe non essere inserito nel decreto scuola presto in Consiglio dei Ministri, ma essere affidato ad un Disegno di legge, con i tempi che comporterebbe per l’approvazione.

Dovrebbe invece procedere spedita la procedura per concorso ordinario e straordinario

Il prossimo incontro tra sindacati e Miur è previsto per il 1° ottobre

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione