PAS Liguria, anticipati al 2014/15 i corsi del 2015/16. Università attenta alle esigenze dei futuri docenti

Di
WhatsApp
Telegram

red – Il Miur aveva autorizzato lo scaglionamento dei docenti ammessi al PAS in tre annualità, e questo aveva creato malcontento tra coloro che risultavano distribuiti nella terza annualità, sopratutto per la concomitante riapertura delle graduatorie e l’avvio dei percorsi TFA II ciclo.

red – Il Miur aveva autorizzato lo scaglionamento dei docenti ammessi al PAS in tre annualità, e questo aveva creato malcontento tra coloro che risultavano distribuiti nella terza annualità, sopratutto per la concomitante riapertura delle graduatorie e l’avvio dei percorsi TFA II ciclo.

L’Università di Genova ha quindi deliberato di anticipare all’a.a. 2014/15 l’attivazione delle classi di concorso inizialmente disposte per l’a.a. 2015/16

"Le procedure stavano effettivamente andando troppo lente, rispetto a altre regioni, con il rischio che i nostri docenti coinvolti nei Pas, si trovassero, di fatto, preceduti nelle iscrizioni da quelli già licenziati nelle altre realtà italiane", afferma l’assessore alla Formazione e Istruzione della Regione Liguria Pippo Rossetti.

La Regione Liguria comunica che risultato positivo è frutto di un impegno collegiale con i rappresentanti dei docenti interessati e l’Università di Genova. "Un primo passo affinchè l’Università di Genova compia ogni sforzo per porsi sempre di più al servizio delle persone e dell’economia del territorio e non solo per far fronte ai propri processi organizzativi", commenta Rossetti.

Segui su Facebook le news del mondo della scuola

I percorsi Pas sono riservati a coloro che, privi di specifica abilitazione, abbiano prestato dall’anno scolastico 1999/2000 all’anno scolastico 2011/12 almeno tre anni di servizio e che risulteranno nell’elenco degli ammessi compilato dall’Ufficio Scolastico Regionale, previo accertamento del possesso dei requisiti per l’accesso ai corsi, sulla base delle dichiarazioni contenute nelle domande di ammissione.

Nel prossimo mese di settembre gli aventi diritto compresi nell’elenco definitivo trasmesso dall’Ufficio Scolastico Regionale saranno contattati per perfezionare l’iscrizione al corso.

La frequenza ai percorsi è obbligatoria, è consentito un massimo di assenze nella percentuale del 20% e non è compatibile con la frequenza di corsi universitari che si concludano con il rilascio di titoli accademici.

L’Università di Genova ha anche deliberato, d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale, l’istituzione per l’anno accademico 2014/2015 dei percorsi di Tirocinio Formativo Attivo – cosiddetto TFA – il cui secondo ciclo è stato indetto dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca con D.M. 312 del 16/5/2014.

Su tali percorsi, finalizzati al conseguimento dell’abilitazione per l’insegnamento nella scuola secondaria di I e di II grado, ha espresso parere favorevole nella seduta del 2 luglio 2014 il Comitato regionale di coordinamento di cui all’articolo 3 del D.P.R 27 gennaio 1998 n. 25, in cui è presente ed esercita un ruolo rilevante la Regione Liguria.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito