PAS e reclutamento slitta, testo presentato ai sindacati. Chiedono provvedimento d’urgenza

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Si è svolto, alla fine, un ulteriore incontro tra i sindacati e il Ministero sulla questione PAS e reclutamento dei docenti con 36 mesi di servizio. Cosa è successo oggi.

Provvedimento slitta

Questa mattina un articolo pubblicato da Italia Oggi ha messo in allarme il mondo del precariato. Infatti, nell’articolo si leggeva che l’emendamento per dare avvio ai corsi di abilitazione e il concorso riservato per i docenti con 36 mesi di servizio non sarebbe stato inserito nel decreto Crescita come inizialmente previsto. Tra le motivazioni avanzate quella della contrarietà del Movimento5Stelle, oltre a questioni di carattere tecnico.

Smentita del Movimento

I deputati 5 Stelle, da canto loro, ci hanno inviato un comunicato con il quale si smentiva che il mancato inserimento nel decreto Crescita dell’emendamento in questione dipendesse da loro. “Mai nessuna proposta è arrivata in commissione, né ai relatori e in Parlamento. Peraltro, trattandosi di un decreto fiscale, difficilmente la materia del reclutamento dei docenti avrebbe potuto essere ricompresa”, così scrivevano.

Precisavano, inoltre, che non ritengono i PAS una soluzione, perché “continuano a produrre precariato, paradossalmente facendo sborsare anche migliaia di euro a questi aspiranti docenti, e per giunta aprono il varco agli speculatori della formazione, alcuni dei quali addirittura con sede all’estero”.

Pittoni conferma slittamento

Poco dopo un messaggio su FaceBook da parte di Mario Pittoni confermava: nessun inserimento nel decreto Crescita

Anche se, scrive il Senatore, si conferma ” la volontà di inserire il testo in un prossimo provvedimento”.

Sindacati chiedono provvedimento d’urgenza

Confermata anche la notizia di un incontro giornaliero tra sindacati e Ministero per presentare il testo dell’emendamento, avvenuta nella serata di oggi.

In un comunicato congiunto i sindacati sindacali – Flc CGIL con Francesco Sinopoli, per la CISL Scuola Maddalena Gissi, per la UIL Scuola Rua Giuseppe Turi, per lo SNALS Confsal Elvira Serafini e per la GILDA Unams Rino Di Meglio – hanno comunicato di aver “valutato positivamente il testo su precariato e reclutamento sottoposto alla loro attenzione dal Miur ed hanno chiesto di procedere con l’immediata emanazione di un provvedimento con carattere d’urgenza.”

Il testo predisposto dal MIUR – affermano i sindacati –  recepisce in modo puntuale e coerente quanto previsto dall’intesa. Sarà lo stesso ministro Bussetti a verificare modalità e strumenti attraverso i quali compiere il necessario percorso legislativo.

Il testo dell’intesa

“Il PAS sarà:

  • aperto a tutti i docenti con tre annualità di servizio nelle scuole statali, paritarie e percorsi di istruzione e formazione professionale limitatamente all’obbligo scolastico
  • attivato entro e non oltre il 2019
  • articolato su più cicli annuali
  • aperto alla partecipazione anche del personale di ruolo e ai dottori di ricerca.

La procedura del concorso straordinario finalizzata alla stabilizzazione prevede:

  • l’accesso ai docenti con tre annualità di servizio nella scuola statale maturate negli ultimi 8 anni
  • il requisito di avere svolto almeno 1 anno di servizio nella classe di concorso specifica per la quale si concorre
  • la valorizzazione del servizio prestato
  • una prova scritta computer based
  • una prova orale non selettiva.

La procedura conferirà a tutti i vincitori l’abilitazione.”

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione