PAS, dottorato dà accesso senza servizio. Si ottiene abilitazione

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La recente intesa tra Miur e sindacati FLCGIL, CISL, UIL, SNALS e GIlDA prevede l’avvio di un PAS Percorso Abilitante e di un concorso straordinario riservato esclusivamente ai docenti con tre anni di servizio negli ultimi otto nella scuola statale. 

PAS

Sarà

  • aperto a tutti i docenti con tre annualità di servizio nelle scuole statali, paritarie e percorsi di istruzione e formazione professionale limitatamente all’obbligo scolastico
  • attivato entro e non oltre il 2019
  • articolato su più cicli annuali
  • aperto alla partecipazione anche del personale di ruolo e ai dottori di ricerca [sintesi dei sindacati]

Secondo quanto indicato dai sindacati, i laureati in possesso del dottorato di ricerca potranno accedere al PAS indipendentemente dal requisito di servizio.

N.B. il titolo di accesso laurea deve in ogni caso essere idoneo all’insegnamento, avere cioè i CFU richiesti per la classe di concorso per cui si richiede l’accesso.

Ricordiamo che naturalmente il testo può subìre ancora delle modifiche nel passaggio parlamentare.

A cosa serve l’abilitazione

Il PAS darà l’abilitazione, utile per l’inserimento nella II fascia delle graduatorie di istituto e per lavorare nelle scuole paritarie. L’obiettivo è quello di avviare il PAS entro e non oltre il 2019.

Accesso al ruolo

Per il ruolo bisognerà svolgere il concorso ordinario.

Ricordiamo che in ogni caso, si può accedere al concorso ordinario con laurea + 24 CFU. Chi non vince (cioè non si colloca in graduatoria nel numero dei posti banditi) ma supera le prove, ha comunque l’abilitazione per la classe di concorso per la quale ha partecipato.

Non è escluso che nella tabella di valutazione dei titoli possa essere attribuito un peso specifico al titolo di dottorato.

Scarica il testo dell’intesa

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione