Partono i 15 progetti contro lo spaccio nelle scuole

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sono stati approvati tutti i 15 progetti locali per l’operazione «Scuole sicure» trasmessi al ministero dell’Interno per la prevenzione e il contrasto dello spaccio di droghe vicino alle scuole.

A chi vanno le risorse

Le risorse andranno a 98 scuole di diverse aree urbane da circa 10 milioni di persone con città con più di 200.000 abitanti e caratterizzate dalla presenza di spaccio: a Bari (81.500 euro), Bologna (98.250 euro), Catania (78.500 euro), Firenze (96.000 euro), Genova (146.250 euro), Messina (59.000 euro), Milano (344.750 euro), Napoli (243.750 euro), Palermo (168.750 euro), Padova (53.00 euro), Roma (724.750 euro), Torino (222.750 euro), Trieste (51.500 euro), Venezia (66.000 euro) e Verona (62.250 euro).

La metà delle risorse finanziate, 1 milione e 248 mila euro, sono destinate a spese  per straordinari del personale, addestramenti e campagne educative.

Le risorse destinate alle spese d’investimento sono pari a 1,255 milioni e saranno impiegate  per realizzare impianti di videosorveglianza, per l’acquisto di veicoli speciali, per comprare sistemi di localizzazione e di altre attrezzature.

Le prefetture controllano i progetti

I progetti sono stati valutati dalle prefetture e l’erogazione dei contributi avverrà secondo un protocollo d’intesa; a fine anno scolastico le scuole dovranno relazionare sulle spese e sull’andamento dell’iniziativa, anche con un report mensile.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione