Parte Erasmus +. Più qualifiche per i giovani, più apertura per l’Europa.

WhatsApp
Telegram

Commissione Europea – Il programma Erasmus + è stato lanciato oggi ad Atene  dalla  Commissaria Vassiliou, in presenza di Costantino Arvanitopoulos, Ministro dell’Istruzione, e Panos Panayiotopoulos , Ministro della Cultura e dello Sport, in rappresentanza della Presidenza greca dell’Unione europea.

Commissione Europea – Il programma Erasmus + è stato lanciato oggi ad Atene  dalla  Commissaria Vassiliou, in presenza di Costantino Arvanitopoulos, Ministro dell’Istruzione, e Panos Panayiotopoulos , Ministro della Cultura e dello Sport, in rappresentanza della Presidenza greca dell’Unione europea.

"In un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo, credo che l’educazione possa ridare speranza alla nostra capacità di scegliere e modellare la società in cui vogliamo vivere. L’istruzione è uno dei più potenti strumenti per plasmare il futuro della nostra società. Erasmus ha aperto le menti e cambiato la vita di milioni di persone. Il nuovo programma che lanciamo oggi, coinvolgerà quattro milioni di persone in più, dando loro maggiori opportunità e la possibilità di studiare, lavorare e fare volontariato in un altro paese, scoprire una nuova cultura, imparare una nuova lingua"  ha dichiarato la Commissaria Vassiliou  presentando il nuovo programma Erasmus + ad Atene.

Sono oltre quattro milioni i giovani che beneficeranno di sovvenzioni dell’Unione europea per agevolare il loro percorso di studi. Potranno così acquisire esperienze di lavoro e svolgere tirocini o periodi di volontariato all’estero. Erasmus + sarà dotato di un budget complessivo di € 14.700.000.000 per i prossimi sette anni, il 40% in più rispetto ai precedenti programmi.

La Commissione negli ultimi anni ha incoraggiato i governi nazionali a investire nell’istruzione, motore della crescita e dell’occupazione. Erasmus + segna una nuova collaborazione tra tutti gli attori a tutti i livelli, da quello locale a quello europeo, a quello globale.

Erasmus + sosterrà un uso migliore delle tecnologie per studenti e insegnanti, fornirà una nuova garanzia di prestito agli studenti che vogliono ottenere un diploma di master all’estero, finanzierà nuove alleanze tra enti di formazione e imprese e migliorerà la qualità dei tirocini in tutta Europa. Per la prima volta nel bilancio dell’UE, Erasmus + comprende anche una sezione dedicata allo sport, il cui fulcro rimane comunque la mobilità per l’apprendimento. La novità più rilevante è comunque l’apertura ai paesi non membri dell’UE: si offre infatti agli studenti di tutto il mondo la possibilità di trascorrere un periodo di studi in un paese dell’Unione europea e viceversa.

"Stiamo subendo un’ondata di cinismo, populismo e xenofobia. In condizioni come queste, la speranza non è sufficiente, dobbiamo agire. L’Europa può fare la differenza." Queste le parole con cui la Commissaria Vassiliou ha concluso la presentazione del progetto.

 

WhatsApp
Telegram

Adempimenti dei Dirigenti scolastici per l’avvio del nuovo anno scolastico: scarica o acquista il nuovo numero della rivista per Dirigenti, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff