Parlare una seconda lingua cambia la percezione del mondo

di redazione
ipsef

Tmnews – L’apprendimento di una lingua straniera cambia completamente il modo di vedere il mondo. Parola degli esperti dell’Università di Newcastle, secondo cui coloro che utilizzano una secondo lingua per comunicare pensano diversamente dagli altri. Non è necessario esprimersi correttamente nella seconda lingua, spiega Panos Athanasopoulos, autore dello studio che appare sulla rivista Bilingualism: Language and Cognition.

Tmnews – L’apprendimento di una lingua straniera cambia completamente il modo di vedere il mondo. Parola degli esperti dell’Università di Newcastle, secondo cui coloro che utilizzano una secondo lingua per comunicare pensano diversamente dagli altri. Non è necessario esprimersi correttamente nella seconda lingua, spiega Panos Athanasopoulos, autore dello studio che appare sulla rivista Bilingualism: Language and Cognition.

La ricerca si è concentrata su persone che per motivi di lavoro hanno contatti con soggetti di lingua inglese e giapponese, scoprendo curiose e nuove modalità di confronto con la realtà circostante. Ad esempio, poiché in giapponese esistono modi differenti per esprimere le tonalità del blu – la luce blu con ‘mizuiro’, il blu notte con ‘ao’ – le persone di madrelingua distinguono più precisamente le differenze per descrivere le diverse identità cromatiche. Per quelli che parlano due lingue, invece, vince quella usata più di frequente. "Oltre a imparare il vocabolario e la grammatica inconsciamente si impara un nuovo modo di vedere il mondo", spiega Athanasopoulos

http://journals.cambridge.org/action/displayJournal?jid=BIL

Versione stampabile
anief
soloformazione