In parlamento presentati 8 disegni di legge contro la precarietà

Di
WhatsApp
Telegram

red – In prima linea il Partito Democratico, affiancato da 50 associazioni che chiedono: compenso minimo legale; modifica della Legge Fornero; ammortizzatori e futele sociali universali; giustizia previdenziale; statuto del lavoro autonomo e professionale; diritto allo studio.

red – In prima linea il Partito Democratico, affiancato da 50 associazioni che chiedono: compenso minimo legale; modifica della Legge Fornero; ammortizzatori e futele sociali universali; giustizia previdenziale; statuto del lavoro autonomo e professionale; diritto allo studio.

Tra le associazioni autrici dei DDL: Tutelare i Lavori, Giovani Democratici, Lavoro & Welfare, insieme ai deputati del gruppo Under 35 del Partito democratico

“I disegni di legge – ha affermato Fausto Raciti, dei Giovani Democratici – sono il frutto di un intenso lavoro di partecipazione che nel corso degli ultimi due anni ha visto, traverso la campagna Alta partecipazione promossa dai Giovani democratici, la partecipazioni di più di 50 diverse associazioni a cui complessivamente fanno riferimento diverse tipologie di lavoratori precari , autonomi, delle professioni. Queste proposte – continua – sono a disposizione di tutto il Parlamento e spero davvero che possano diventare un movimento di confronto costruttivo e meno politicistico anche coi nostri colleghi del Movimento 5 Stelle. Sono provvedimenti che offriamo alla loro firma e che con un voto di fiducia potrebbero diventare immediatamente legge.”

“Si è trattato di un lavoro – ha precisato Giuditta Pini, deputata del Partito Democratico – di vera politica. Siamo riusciti a dare voce attraverso questi provvedimenti ad un mondo estremamente eterogeneo che riteniamo possano essere sottoscritti anche dagli altri. Si tratta di un mondo a cui noi stessi, giovani deputati, facciamo parte e che vorrei che fossero ampiamente condivise anche con i nostri colleghi in particolare con quelli del Movimento 5 Stelle e sederci insieme intorno ad un tavolo per arrivare ad una rapida approvazione”.

WhatsApp
Telegram

Eurosofia: un nuovo corso intensivo a cura della Dott.ssa Evelina Chiocca: “Il documento del 15 maggio, l’esame di Stato e le prove equipollenti”