Papa Francesco: “Troppi giovani suicidi vittime di violenza e afflitti dalla disperazione”

WhatsApp
Telegram

Nel suo messaggio indirizzato ai giovani del mondo in occasione della XXXVIII Giornata Mondiale della Gioventù, Papa Francesco ha toccato un tema cruciale e attuale: la perdita di speranza tra i giovani.

Il Pontefice ha evidenziato come molti giovani, afflitti da guerre, violenza, bullismo e vari disagi, vivano in uno stato di disperazione, paura e depressione. Questa realtà oscura, secondo Papa Francesco, si riflette nell’elevato tasso di suicidi tra i giovani in diversi paesi.

Nel suo messaggio, Papa Francesco fa riferimento ai drammi dell’umanità e alla sofferenza degli innocenti. Rivolgendo una domanda a Dio, tipica di alcuni Salmi – “Perché?” – il Papa sottolinea come noi tutti possiamo essere parte della risposta di Dio. Attraverso l’amore che Dio esprime per l’umanità, possiamo essere fonte di gioia e speranza anche nelle situazioni più disperate.

Il Pontefice cita l’esempio del film “La vita è bella”, dove un giovane padre trasforma la dura realtà di un campo di concentramento in un’avventura per proteggere l’innocenza e il futuro del suo figlio.

Papa Francesco sottolinea che queste storie non sono solo finzione, ma riflettono la realtà vissuta da molti santi e martiri, come San Massimiliano Maria Kolbe, Santa Giuseppina Bakhita e i Beati coniugi Józef e Wiktoria Ulma con i loro sette figli, che hanno testimoniato la speranza in mezzo alle crudeli cattiverie umane.

Il messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale della Gioventù è un chiaro invito ai giovani a non perdere la speranza, nonostante le difficoltà e le sfide del mondo contemporaneo. È un richiamo a riconoscere e valorizzare la presenza dell’amore e della speranza anche nelle circostanze più buie, ricordando che ogni individuo può essere parte della risposta di Dio ai mali del mondo.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri