Pantaleo, Renzi taglia 350mln l’anno di scatti. Altro che investimenti

Stampa

Duro il commento del Segretario della FLCGIL sul progetto di riforma del Governo, "prendiamo atto di un'assenza di investimenti".

Duro il commento del Segretario della FLCGIL sul progetto di riforma del Governo, "prendiamo atto di un'assenza di investimenti".

Il commento giunge dale pagine di jobsnews.it a seguito di una intervista rilasciata a Pino Salerno.

Mancano investimenti, afferma Pantaleo, anzi "sono un lusso" e la riforma della scuola prospettata da Renzi non cambia la situazione.

Un esempio per tutti, il blocco degli scatti di anzianità voluti da Tremonti e finanziati in un secondo momento dal taglio del Fondo per l'offerta formativa delle scuole.

"Un'alchimia contabile – afferma Pantaleo – che l'anno successivo ebbe termine perché quelle risorse non ci furono più".

Seguici su FaceBook. Lo fanno già in 166mila

Adesso? "Ora, – conclude Pantaleo – con il piano “La buona scuola”, il governo Renzi vorrebbe ripristinare l’integrità del Fondo per l’offerta formativa, ma tagliando nuovamente gli scatti di anzianità del personale. E se, facendo le addizioni, per ogni anno gli scatti equivalgono a 380 milioni di euro, ecco che in tre anni i tagli al personale ammontano a quel miliardo e 200 milioni di euro, circa, promesso per le scuole. Non si tratta di nuovi investimenti."

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata