Panino a scuola, il MIUR dice sì ma attenzione alle contaminazioni

WhatsApp
Telegram

E’ possibile consumare cibi preparati a casa purché vengano evitate “situazioni di criticità”.

Dopo la sentenza di giugno della Corte d’Appello di Torino, che ha riconosciuto agli alunni delle scuole elementari e medie il diritto al pasto portato da casa in seguito al ricorso dei genitori, il Ministero dell’Istruzione è tornato sull’argomento mostrando una prima apertura verso la consumazione del pasto domestico nelle scuole.

In una nuova circolare il Miur invita gli istituti scolastici a valutare “le soluzioni idonee a garantire la fruizione del pasto domestico e l’erogazione del servizio mensa, assicurando la tutela delle condizioni igienico sanitarie e il diritto alla salute”. In aggiunta, per non correre il rischio di contaminazioni ed evitare “eventuali fonti di pericolo”, raccomanda di “attivare procedure atte ad evitare possibilità di scambio di alimenti” e di adottare “precauzioni analoghe a quelle adottate nell’ipotesi di somministrazione dei cosiddetti pasti speciali”.

Via libera, quindi, al consumo del panino o di qualsiasi alimento portato da casa nei locali destinati alla mensa scolastica purché vengano impiegati gli stessi accorgimenti previsti per la fruizione del cosiddetto ‘pasto speciale’, ovvero quello riservato ai bambini con allergie o che, per motivi religiosi, non consumano determinati alimenti.

Si tratta di un primo passo avanti su una questione da tempo irrisolta, in attesa che il Ministero elabori linee guida valide su tutto il territorio nazionale.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur