Palazzo Chigi: superate divergenze Gelmini – CL su abilitazioni docenti

di Lalla
ipsef

ASCA – Si e’ svolta oggi pomeriggio a Palazzo Chigi, alla presenza del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta una riunione sul tema dell’accesso alla professione di insegnante. Erano presenti il ministro dell’istruzione Mariastella Gelmini, l’on. Maurizio Lupi e alcuni tra i primi firmatari dell’appellogiovani.it. E’ quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi. Il ministero ha presentato i problemi aperti relativi all’attivazione dei Tirocini Formativi Attivi (Tfa) transitori di cui si e’ discusso in questi giorni.

ASCA – Si e’ svolta oggi pomeriggio a Palazzo Chigi, alla presenza del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta una riunione sul tema dell’accesso alla professione di insegnante. Erano presenti il ministro dell’istruzione Mariastella Gelmini, l’on. Maurizio Lupi e alcuni tra i primi firmatari dell’appellogiovani.it. E’ quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi. Il ministero ha presentato i problemi aperti relativi all’attivazione dei Tirocini Formativi Attivi (Tfa) transitori di cui si e’ discusso in questi giorni.

Le informazioni e i dati forniti dalle parti in causa permettono di delineare un quadro piu’ positivo e suscettibile di un ulteriore miglioramento.

Come risulta dai dati pubblicati il giorno 8 settembre sul sito del Miur, i posti disponibili erano gia’ pari a 10.285. Sono stati implementati di ulteriori 3.000 posti riservati ai Tfa per le Scuole superiori, per un totale di 13.285 posti per i soli Tfa transitori, finalizzati al conseguimento dell’abilitazione all’insegnamento nelle Scuole secondarie di I e II grado per l’a.a. 2011/12.

Si e’ altresi’ sottolineato l’importante ruolo che le universita’ sono chiamate a ricoprire in questa fase di attivazione dei Tfa transitori e dei futuri percorsi abilitanti.

Si prospetta dunque una situazione piu’ favorevole che tiene conto anche delle esigenze dei giovani. I numeri dei posti che saranno assegnati risulteranno, infatti, dall’incrocio tra quelli pubblicati dal Miur e l’offerta formativa formulata dalle universita’.

Il Ministero diramera’ quindi una nota ai direttori degli uffici scolastici regionali e una nota alle universita’, incoraggiandole a presentare piani formativi sulla base delle loro capacita’ di offerta. Contemporaneamente viale Trastevere sollecitera’ i comitati regionali di coordinamento affinche’ recepiscano l’offerta formativa degli atenei e valutino la congruenza didattica delle proposte. Le parti si sono dette reciprocamente soddisfatte dell’incontro. Viene, infatti, da un lato confermato nella sua sostanza il regolamento sulla formazione iniziale degli insegnanti (cosi’ come previsto dal Miur) e, dall’altro, valorizzato l’elemento dell’offerta formativa delle universita’ nella determinazione del numero dei posti da assegnare per l’accesso alle abilitazioni.

Contestualmente alla pubblicazione delle suddette note da parte del Miur viene sospesa la raccolta delle firme da parte del sito www.appellogiovani.it.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione