PagoPA: pagamenti a favore delle scuole e della PA in generale

di redazione
ipsef

item-thumbnail

NoiPA – Spesso, quando si pensa ai pagamenti verso la Pubblica Amministrazione si immaginano processi farraginosi e burocratici e lunghe code alla posta con i bollettini.

Capire quanto, come e dove pagare non è infatti sempre di facile comprensione e di frequente i metodi di pagamento delle pubbliche amministrazioni possono essere anche molto differenti tra loro.

Per risolvere questo problema, l’AgID ha creato PagoPA, il sistema nazionale per i pagamenti a favore della Pubblica Amministrazione, una piattaforma che mira a rendere più semplici, sicure e trasparenti tutte le transazioni verso la PA. Nel pagamento dei servizi pubblici PagoPA assicura infatti diversi vantaggi, come la conoscenza in anticipo del costo dell’operazione e l’ottenimento della ricevuta per attestare l’avvenuto versamento.

Grazie a PagoPA, adottato obbligatoriamente da tutti gli enti pubblici e da un numero crescente di Banche e di istituti di pagamento (Prestatori di Servizi a Pagamento – PSP), è quindi possibile pagare facilmente tributi, tasse, utenze, rette, quote associative, bolli ed effettuare qualsiasi altro tipo di pagamento verso le Pubbliche Amministrazioni centrali e locali, ma anche verso altri soggetti, come aziende a partecipazione pubblica, scuole, università e ASL.

Qui puoi consultare la lista completa degli enti della pubblica amministrazione aderenti a pagoPA.

PagoPA non è un sito dove pagare, ma una piattaforma di pagamenti standard adottata da Banche e altri istituti di pagamento.

Tutto quello che occorre è un indirizzo email valido o, nel caso di pagamenti tramite home banking o tramite siti web degli enti aderenti, i propri dati di login.

I pagamenti vanno effettuati direttamente sul sito o sull’APP dell’Ente Creditore (il tuo comune, ad esempio) o attraverso i canali (online e fisici) di banche e altri Prestatori di Servizio a Pagamento (PSP), ovvero:

  • Presso le agenzie di una banca
  • Utilizzando l’home banking (dove trovi i loghi CBILL o PagoPA)
  • Presso gli sportelli ATM di una banca (se abilitati)
  • Presso i punti vendita di SISAL, Lottomatica e ITB
  • Presso le Poste, se il canale è attivato dalla Pubblica Amministrazione che ha inviato l’avviso

PagoPA intende non solo facilitare i pagamenti online, ma anche migliorare l’esperienza d’uso del cittadino nel caso di avvisi di pagamento cartacei. Non tutti infatti vogliono o possono pagare online. Per questo, per PagoPA, l’AgID ha elaborato un nuovo tipo di avviso cartaceo, che indica al cittadino tutte le modalità di pagamento possibili: sul sito del Comune, in banca o agli sportelli postali, ma anche nelle tabaccherie e ricevitorie. (Puoi leggere l’avviso qui).

PagoPA ad oggi ha registrato oltre 10.000.000 di transazioni sulla sua piattaforma, con un tasso di crescita nel 2018 del 219% sul 2017.

Se cerchi maggiori informazioni su PagoPA, consulta la pagina web realizzata dal team digitale o leggi queste FAQ.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione