Pagamento ore eccedenti e finanziamenti alle scuole: informativa al MIUR

di redazione
ipsef

Pubblichiamo i resoconti della CISL e dell’FGU relativi all’incontro avvenuto al MIUR sul pagamento delle ore di supplenza e  finanziamento alle scuole

Pubblichiamo i resoconti della CISL e dell’FGU relativi all’incontro avvenuto al MIUR sul pagamento delle ore di supplenza e  finanziamento alle scuole

CISL. Finanziamenti alle istituzioni scolastiche – Gli esiti dell’incontro svoltosi al MIUR nella mattinata di ieri, 13 maggio

In relazione alle "ore eccedenti per la sostituzione dei colleghi assenti" prestate negli anni 2008 e 2009,  l’Amministrazione ha riferito che, attraverso l’utilizzo di "residui passivi" del MIUR, provvederà ad accreditare parte delle somme che le scuole vantano come "residuo attivo". Per quanto riguarda l’esercizio finanziario 2010 le somme disponibili sono state comunicate ed al momento non se ne prevedono altre.

La CISL Scuola, riaffermando che tale istituto contrattuale non può essere assolutamente finanziato con le risorse del FIS, ha manifestato l’opportunità di chiarire che nella dizione "ore eccedenti per la sostituzione dei colleghi assenti" non debbano essere ricomprese attività quali l’ora alternativa all’insegnamento della religione, le ore di approfondimento, etc..

L’incidenza finanziaria per dette "ore eccedenti" – a causa della riduzione delle compresenze e delle disponibilità, riduzione dovuta alla "riconduzione delle cattedre a 18 ore" – è cresciuta nella scuola secondaria in maniera esponenziale  in quanto spesso è la soluzione alternativa alla nomina dei supplenti.

È evidente che nella situazione data i 28 milioni e mezzo di euro che saranno distribuiti alle scuole potrebbero non essere sufficienti.

Per quanto sopra, la CISL Scuola – fermo restando la verifica di soluzioni che attribuiscano il pagamento al Ministero Economia e Finanze (MEF) attraverso le proprie Direzioni Territoriali (DTEF, ex DPT ed ex DPSV) – ha ribadito che le scuole, per assicurare l’ordinato svolgimento delle attività didattiche, devono procedere alla nomina dei supplenti, nella consapevolezza che l’eventuale maggior finanziamento necessario (così come comunicato dall’Amministrazione nelle note del 22 febbraio e del 10 marzo 2010) sarà erogato mensilmente attraverso la rilevazione degli impegni "inseriti a sistema" tramite i flussi finanziari.

L’Amministrazione ha riferito, altresì, che il tasso di sostituzione è attualmente determinato al 2,9% (a fronte del precedente 3,17%), dichiarando al contempo di aver integralmente soddisfatto le specifiche esigenze delle scuole rappresentate in questi ultimi mesi.

Organizzazioni Sindacali e dirigenti MIUR, infine, hanno concordato sulla necessità di giungere al più presto alla definizione dei parametri per la ripartizione delle risorse destinate nell’a.s. 2010/11 agli istituti contrattuali; questo affinché le istituzioni scolastiche abbiano – fin da settembre prossimo, con l’avvio dell’anno scolastico – la certezza circa l’entità delle somme sulle quali definire il contratto di istituto. Tutto ciò, rimanendo impregiudicate eventuali modifiche ed integrazioni che potrebbero essere introdotte dal nuovo CCNL (ricordiamo che quello sottoscritto il 29.11.2007 concerneva il quadriennio conclusosi il 31.12.2009).

La riunione è stata aggiornata a martedì prossimo, 18 maggio.

__

FGU. Ore eccedenti e finanziamenti alle scuole: informativa al MIUR

Giovedì 13 maggio si è svolto un incontro presieduto dal Direttore Generale, dott. Filisetti presso la DG del Bilancio in merito alle risorse per le ore eccedenti ed alle relative problematiche. 

Su questo punto le OO.SS. sono state concordi nel ritenere del tutto insufficienti le risorse erogate, in quanto le necessità sono di gran lunga più elevate a causa della riconduzione delle cattedre e dei posti a 18 ore nell’istruzione secondaria e per l’ eliminazione delle compresenze nell’istruzione primaria. Il DG, in merito ai finanziamenti richiesti dalle scuole per sopperire alle assenze del personale, nel riconoscere la legittimità di tali sostituzioni e l’ inderogabilità delle stesse, qualora non siano adottabili soluzioni alternative che salvaguardino la didattica e le norme di sicurezza, ritiene che le istituzioni scolastiche per vedersi erogare quanto richiesto in eccedenza agli stanziamenti in bilancio, debbano impegnare le relative spese e procedere all’ immediata registrazione dei contratti stipulati.

In merito a ciò la nostra delegazione ha ribadito la necessità – proposta in altre occasioni – d’ imputare sia le ore eccedenti per la sostituzione degli assenti che le supplenze brevi e saltuarie alle direzioni provinciali del Tesoro, onde sgravare le istituzioni scolastiche da impegni di ordine amministrativo ed economico e di concerto con le altre OO.SS. ha chiesto che la DG del Bilancio si adoperi presso il MEF per far imputare le ore eccedenti prestate non per le sostituzioni occasionali, ma durante i tempi tecnici necessari per la stipula dei contratti di supplenza, al capitolo di spesa per le supplenze, sgravando da tali oneri quello delle ore eccedenti.

Il dott. Filisetti, nel comunicare alle OO.SS. che gli ultimi stanziamenti per le ore eccedenti sono stati erogati a dicembre 2009, si è impegnato a far pervenire alle istituzioni scolastiche i finanziamenti per le supplenze con cadenza mensile. Si è impegnato formalmente, inoltre, ad erogare le risorse necessarie per ripianare i residui relativi alle ore eccedenti vantati dalle scuole per gli anni pregressi.

In merito alle ore eccedenti collaterali che vengono trattenute dalle direzioni provinciali del Tesoro durante i periodi di malattia, la nostra delegazione ha fatto presente al dott. Filisetti – invitandolo ad indirizzare un’ apposita nota al MEF – che le suddette ore collaterali in nessun modo possono essere equiparate ai compensi accessori, in quanto vera e propria retribuzione fissa con carattere continuativo e, pertanto, non possono essere assoggettate alle ritenute ex L. 133/09.

Inoltre la F.G.U.  – nel ribadire l’ intangibilità del FIS che in nessun modo può essere utilizzato per coprire le esigenze di funzionamento delle istituzioni scolastiche – ha invitato la DG del personale a coordinare le note emanate il 10 e il 18 giugno 2009, in merito alle proroghe dei supplenti in servizio al termine delle lezioni, con i quali i contratti vanno stipulati senza alcuna soluzione di continuità e senza la discriminazione rilevabile dalla seconda nota rispetto a quanto enunciato nella prima, nel rispetto dell’ art. 25 del CCNL e del Regolamento delle supplenze 131/2007 che prevede il mantenimento in servizio dei supplenti fino all’ ultimo giorno in cui ci sono le suddette esigenze ed ha fatto presente che alle direzioni provinciali del Tesoro, e non alle singole istituzioni scolastiche, va addebitato il pagamento delle attività alternative all’IRC, in quanto tali risorse fanno parte dello stesso capitolo e, pertanto, le suddette istituzioni devono far richiesta in organico di fatto delle rispettive esigenze, quantificando il numero di ore settimanali necessarie, di cui il MIUR deve farsi carico esplicitandolo nell’ apposita CM relativa all’ organico di fatto.          

Le OO.SS., nell’ evidenziare le disastrose condizioni economiche in cui versa la quasi totalità delle scuole, hanno stigmatizzato la mancata erogazione delle risorse contrattuali e non – soprattutto a causa dei monitoraggi non ancora attivati dall’ Amministrazione – relative ai finanziamenti per:

      1) le aree a rischio e ad elevata immigrazione la cui intesa  MIUR/OO.SS. risale a 2 mesi fa;

      2) l’ arricchimento dell’ offerta formativa ex L. 440/ 97;

      3) l‘ attività sportiva.

Pertanto hanno invitato il dott. Filisetti ad effettuare i monitoraggi previsti e ad erogare le suddette risorse, per consentire lo svolgimento ed il pagamento dei progetti deliberati ed attivati.

Proprio in merito al terzo punto, la nostra delegazione – per la quale incontestabilmente l’ indennità integrativa speciale va ricompresa nel calcolo delle ore eccedenti per retribuire la suddetta attività – ha invitato il MIUR che è di diverso parere a non limitarsi a chiedere all’ ARAN dei chiarimenti che non possono essere unilaterali, ma ad attivarsi per un’ interpretazione autentica. 

Inoltre, sempre per la F.G.U. il monitoraggio dei progetti approvati e realizzati è indispensabile per accertare la consistenza delle risorse inutilizzate che possono essere ricollocate a vantaggio delle istituzioni scolastiche che hanno progettato in eccedenza rispetto alle risorse previste ai sensi della suddetta intesa.

Infine il dott. Filisetti ha sottoposto alle OO.SS. una bozza di preintesa per concordare in anticipo i criteri per finanziare le istituzioni scolastiche per il prossimo anno scolastico, relativamente alle funzioni strumentali, gli incarichi specifici, l’ attività sportiva, le ore eccedenti per la sostituzione dei colleghi assenti, ecc.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione