Padre umilia la figlia: “Sei una balena”. La scuola frequentata dalla ragazzina fa partire la segnalazione. L’uomo è indagato per maltrattamenti

WhatsApp
Telegram

Una studentessa nel barese subiva insulti da parte del padre, che le diceva: “sei una balena”, riferendosi alla corporatura della figlia. Ma anche “scema” e “demone”. Per tale motivo, a seguito della segnalazione arrivata dalla scuola, il padre è indagato per maltrattamenti in famiglia.

L’iter della segnalazione è avvenuto quando la ragazzina si è confidata con alcune compagne di scuola. Da lì, riporta La Repubblica, dall’istituto scolastico è partita l’indagine che ha seguito il consueto iter: segnalazione della dirigente agli organi competenti, denuncia e primi ascolti di persone informate dei fatti.

Giorni fa l’adolescente era attesa negli uffici della procura dei Minori per sottoporsi all’incidente probatorio (l’ascolto protetto in cui l’adolescente avrebbe dovuto confermare le accuse nei confronti del genitore) ma l’appuntamento è saltato.

L’indagine avrebbe evidenziato altri episodi di violenza, come schiaffi, calci, pugni, comportamenti autoritari, aggressivi e minacciosi, tirate di capelli e in un episodio, persino, il padre avrebbe sbattuto la testa della ragazzina contro un muro.

Addirittura, l’uomo avrebbe riservato tali maltrattamenti anche alla convivente ma in questo momento non vi è alcun provvedimento cautelare.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri