Padre che ha aggredito vicepreside finisce in galera, è evaso dagli arresti domiciliari

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Si aggrava la posizione del padre che la scorsa settimana ha aggredito un vicepreside di una scuola media di Foggia.

Il pregiudicato di 38 anni era stato messo agli arresti domiciliari, a seguito di una denuncia per violenza e minaccia a pubblico ufficiale, nonché lesioni gravi.

L’uomo, però, si è allontanato nella giornata di domenica fin dalla mattina dal proprio alloggio per partecipare ad un battesimo insieme ai parenti.

A quanto pare, come riporta l’ANSA, l’uomo è stato avvistato in un ristorante insieme ad altri pregiudicati. A prova, un video pubblicato su FaceBook che è stato acquisito dalla squadra mobile.

Portato in galera, dovrà rispondere anche dell’accusa di evasione dagli arresti domiciliari.

Vicepreside aggredito: lo studente torna a scuola, il padre è agli arresti domiciliari

Aggressione vicepreside, ecco la lettera di scuse del padre

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione