Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

“Pace a te, amico mio!” e la giornata internazionale delle forze di pace delle Nazioni Unite: un esempio di UdA per la Primaria

WhatsApp
Telegram

Il 29 maggio, Giornata internazionale delle forze di pace delle Nazioni Unite, tutti gli operatori della scuola e le scuole stesse sono impegnate a riaffermare il loro impegno incrollabile per il mantenimento della pace delle Nazioni Unite. È necessario unirsi, anche con uno slancio ideale, alla comunità internazionale per onorare coloro che hanno prestato servizio nelle operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite dal 1948, le migliaia di soldati di pace che sono morti nell’esercizio del loro dovere, coloro che sono stati feriti e coloro che continuano a rischiare la vita ogni giorno per difendere la pace . Ci incoraggia la circostanza di vedere un aumento di donne in servizio di pace ogni anno; ispirare e sostenere le donne e le ragazze ad essere leader nelle loro comunità e agenti di cambiamento è motivo di orgoglio e di impegno.

Il mantenimento della pace consiste nell’aiutare le persone le cui vite sono state devastate dal conflitto

Fondamentalmente, il mantenimento della pace consiste nell’aiutare le persone le cui vite sono state devastate dal conflitto e nel creare spazio affinché una pace duratura possa radicarsi. Ci concentriamo sulla promozione della protezione dei civili, di soluzioni politiche sostenibili, dei diritti umani e dell’uguaglianza di genere come aspetti prioritari delle missioni di mantenimento della pace: questi sforzi aiutano a costruire le condizioni per una pace duratura.

L’impegno degli Stati

Nonostante il grave momento di crisi internazionale, molti Stati stanno portando avanti miglioramenti e riforme in diversi settori chiave: fornendo alle missioni mandati realizzabili e realistici; rafforzare la capacità dei paesi che contribuiscono con truppe e polizia e fornendo loro le risorse necessarie per attuare in modo efficace e sicuro tali mandati; migliorare le prestazioni, la responsabilità, la sicurezza e la protezione delle forze di pace; e prevenire lo sfruttamento e l’abuso sessuale da parte delle forze di pace e ritenere responsabili gli autori.

Per la pace non servono le armi

Per il mantenimento della pace delle Nazioni Unite è necessario investire massicciamente in partenariati bilaterali a lungo termine per il rafforzamento delle capacità attraverso l’Iniziativa per le operazioni di pace globali e il programma di supporto per le operazioni di mantenimento della pace della polizia internazionale. Il mantenimento della pace delle Nazioni Unite continua a essere uno dei meccanismi più efficaci – nonostante le tante crisi nel mondo, ultima di queste quella Ucraina – per promuovere la pace e la sicurezza internazionali e proteggere le popolazioni più vulnerabili del mondo. è necessario impegnarsi per rafforzare e riformare il mantenimento della pace delle Nazioni Unite per renderlo il più efficace ed efficiente possibile nel portare a termine la sua vitale missione globale.

Lavorare insieme per aiutare i giovani a imparare come affrontare i conflitti in modo creativo e non violento

La maggior parte delle controversie tra le persone viene risolta senza violenza, ma non solo. Se vogliamo allontanarci dalla violenza come mezzo per risolvere le controversie in patria e all’estero, dobbiamo lavorare insieme per aiutare i giovani a imparare come affrontare i conflitti in modo creativo e non violento. Per prevenire continui cicli di violenza, l’istruzione deve promuovere la pace, la tolleranza e la comprensione per contribuire a creare una società migliore per tutti. Dispute e conflitti possono essere inevitabili, ma non la violenza. Per prevenire continui cicli di violenza, l’istruzione deve cercare di promuovere la pace e la tolleranza, non alimentare l’odio e il sospetto.

Cultura di Pace e di Nonviolenza per i Bambini del Mondo

Definire una cultura di pace come “tutti i valori, atteggiamenti e forme di comportamento che riflettono il rispetto della vita, della dignità umana e di tutti i diritti umani, il rifiuto della violenza in tutte le sue forme e l’impegno per i principi di libertà, giustizia, solidarietà, tolleranza e comprensione tra le persone” è una delle migliori strategie adottate dall’ONU. Essenziale per costruire una cultura di pace è l’educazione alla pace. Le Nazioni Unite hanno chiesto a ogni Paese di “assicurare che i bambini, fin dalla più tenera età, beneficino dell’istruzione per consentire loro di risolvere qualsiasi controversia in modo pacifico e in uno spirito di rispetto della dignità umana e di tolleranza”. La maggior parte delle controversie tra le persone viene risolta senza violenza, ma non solo. Se vogliamo allontanarci dalla violenza come mezzo per risolvere le controversie in patria e all’estero, dobbiamo lavorare insieme per aiutare i giovani a imparare come affrontare i conflitti in modo creativo e non violento.

Obiettivi dell’educazione alla pace

L’obiettivo generale del percorso di educazione alla pace è aiutare a costruire un mondo pacifico.

L’obiettivo generale del percorso di educazione alla pace è aiutare a costruire un mondo pacifico. Per farlo miriamo a:

Comprendere la natura e le origini della violenza e i suoi effetti sia sulla vittima che sull’autore del reato.

Creare quadri per raggiungere la pace e società pacifiche e creative.

Rafforzare la consapevolezza sull’esistenza di relazioni non pacifiche tra le persone e all’interno e tra le nazioni.

Indagare le cause dei conflitti e della violenza insiti nelle percezioni, nei valori e negli atteggiamenti degli individui, nonché nelle strutture sociali e politiche della società.

Incoraggiare la ricerca di alternative e di possibili abilità non violente.

Fornire a bambini e adulti capacità di risoluzione dei conflitti personali.

Mostrare alla gente che la violenza e la guerra sono apprese e non sono parte intrinseca della natura umana e che è possibile risolvere pacificamente i conflitti.

Crea un mondo più pacifico in cui tutti noi possiamo diventare agenti di cambiamento. Education for Peace ci fornisce le competenze che ci aiuteranno a realizzare società pacifiche.

Correggere la comprensione limitata della pace di molte persone che è l’assenza, per quanto artificiosa, di violenza diretta, di ferire e uccidere.

Creare un ambiente di apprendimento migliore in cui è possibile esplorare conflitti e relazioni.

Valori e atteggiamenti dell’educazione alla pace

La consapevolezza dei valori e degli atteggiamenti è alla base dell’educazione alla pace e deve essere affrontata attraverso il curriculum e l’intera scuola. L’Educazione alla Pace si fonda sui seguenti valori e atteggiamenti:

Rispetto per gli altri indipendentemente da razza, sesso, età, nazionalità, classe, sessualità, aspetto, credo politico o religioso, capacità fisiche o mentali.

Empatia: volontà di comprendere le opinioni degli altri dal loro punto di vista.

Una convinzione in un cambiamento positivo da parte di individui e gruppi di persone.

Apprezzamento e rispetto per la diversità.

Autostima: accettare il valore intrinseco di se stessi.

Impegno per la nonviolenza, l’equità e la giustizia sociale.

Preoccupazione per l’ambiente e comprensione del nostro posto nell’ecosistema.

Impegno per l’uguaglianza.

Un UdA per la Primaria “Pace a te, amico mio!”

L’UdA “Pace a te, amico mio!”, destinata gli studenti della scuola Primaria, realizzata dai validissimi docenti dell’Istituto Comprensivo Galileo Galilei di Scorzè (VE), guidato dall’eccellente Dirigente Scolastico dottore Salvatore Seggio, si inserisce all’interno del progetto “Scuola amica” proposto dall’UNICEF. Sarà proposto di produrre un libretto illustrato, a gruppi, su storie di amicizia. Ciascun gruppo esponendo la propria storia la condividerà con gli altri gruppi. In che modo (singoli, gruppi..): attraverso attività singole e di gruppo.

U.D.A.-PACE-A-TE-AMICO-MIO

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur