Pacchetto scuola. Giannini, “slitta in autunno”. Faraone: dialogo fuori “dai circoli degli addetti ai lavori”

Di
Stampa

red – Il Ministro Giannini, a margine di una riunione tra i Ministri della ricerca a Milano. Confermato quanto da noi anticipato, il pacchetto comprende provvedimenti per: competenze degli studenti, la valorizzazione del ruolo degli insegnanti, la governance e l’autonomia degli istituti.

red – Il Ministro Giannini, a margine di una riunione tra i Ministri della ricerca a Milano. Confermato quanto da noi anticipato, il pacchetto comprende provvedimenti per: competenze degli studenti, la valorizzazione del ruolo degli insegnanti, la governance e l’autonomia degli istituti.

”Stiamo riflettendo su un nuovo pacchetto di misure incisive – ha detto il Ministro – che riguardano le competenze degli studenti, la valorizzazione del ruolo degli insegnanti e la governance e l’autonomia delle scuole. E’ un lavoro che il cantiere scuola del Miur ha prodotto in questi tre mesi e che consegneremo a breve al Presidente del Consiglio. Nei prossimi mesi ci sarà una consultazione per arrivare finalmente in autunno ad una visione omogenea del tema scuola”.

La tempistica d’altronde, coincide con quanto ha affermato nei giorni scorsi il Primo Ministro, relativamente all’avvio di consultazioni estive che porteranno in autunno ad un pacchetto di riforme per la scuola.

Sulla faccenda è intervenuto anche Faraone, responsabile scuola del PD, che in un editoriale apparso su Italia Oggi, invita ad andare oltre il "linguaggio di iniziati" che caratterizza il mondo della scuola e di allargare il dibattito, portandolo al di fuori dei "circoli degi addetti ai lavori". "Tutta la società – ha scritto – ha il dovere di interrogarsi sul futuro della scuola e il PD favorirà questa grande riflessione collettiva."

Non poteva mancare, da parte del Ministro Giannini, il riferimento all’avvio dei lavori per l’edilizia scolastica: "Abbiamo nel capitolo Miur una cantierabilità di quasi 2.000 interventi che possono partire adesso nel mese di luglio. Considerando il plafond nel biennio di 10.000 interventi – ha continuato il ministro – direi che ci stiamo muovendo molto rapidamente. Oltre a questi ci sono le richieste dei Comuni inviate alla Presidenza del Consiglio e che rappresentano un pacchetto molto consistente. Ricordo che sono stati sbloccati 500 milioni anche dal Patto di stabilità: le risorse – concude – stanno raggiungendo nel biennio la quota annunciata dal Presidente di 3,5 miliardi".

Stampa

Personale all’estero: certificazione Inglese B2 e corso on-line Intercultura con CFIScuola!