Otto fratelli, tutti contagiati e tutti in Dad: “Abbiamo i pc ma la connessione non regge”

Stampa

Succede a Brindisi e a raccontare la storia degli otto fratelli tutti positivi al Covid e tutti in didattica a distanza è Repubblica. Il più grande ha 18 anni, la più piccola 6 anni.

Insieme a loro papà e mamma. Dal 9 novembre sono tutti a casa col Covid. A rendere tutto più complesso è la Dad: la connessione non riesce a reggere.

“Siamo riusciti a trovare i dispositivi per tutti – spiega la madre- per alcuni ci ha aiutato la scuola, per gli altri abbiamo dovuto acquistare ed altri ci sono stati prestati. Ma il problema è la connessione. A casa abbiamo un solo router che non riesce a sostenere il collegamento simultaneo di tutti e 8 i fratelli. La mattina è una tragedia seguire le lezioni, l’immagine che non si vede, la voce che si sente a tratti. Altre volte salta proprio”.

La vita per tutti e dieci scorre tutto sommato tranquilla continua la donna “siamo tutti asintomatici”, anche se  “non è comunque facile tenerli tranquilli. Dopo un po’ di ore si scocciano e dopo aver finito tutte le idee di gioco non sanno più cosa fare e diventa difficile anche condividere gli spazi. Ma i sacrifici sono ben ricambiati dalla felicità di stare insieme”. “Speriamo che si possa tornare alla normalità così da risolvere anche il problema delle lezioni a scuola”, conclude la madre.

Stampa

Eurosofia. Acquisisci punteggio in tempi rapidi per l’aggiornamento Ata: corso di dattilografia a soli 99 euro. Iscriviti ora