OS Consiglia il Corso + Certificazione Inglese B1 riconosciuta dal MIUR, di CFIScuola. La figura del docente specialista nella Scuola Primaria è destinata a scomparire, come previsto dal DPR n.81/2009, Art.10 comma 5, pertanto l’insegnante della primaria

WhatsApp
Telegram

OS.it consiglia Eurosofia – Superare con successo le prove di accesso al secondo corso di Tfa sostegno.

OS.it consiglia Eurosofia – Superare con successo le prove di accesso al secondo corso di Tfa sostegno. Questo l’obiettivo di “Le competenze e le abilità del docente: per il sostegno didattico agli alunni con disabilità nella scuola dell’autonomia”, il corso di preparazione organizzato da Eurosofia in collaborazione con Anief rivolto a tutti i docenti (precari, anche non inseriti in GAE,  e di ruolo) che intendono accedere ai corsi a numero programmato di specializzazione per il sostegno didattico agli alunni con disabilità, previsti dall'articolo 2 del DM 612 del 16 maggio 2014.

L'accesso ai corsi è riservato ai docenti in possesso dell'abilitazione all'insegnamento, ivi compresi, per i relativi posti, i soggetti in possesso di titolo equivalente.

  • Laurea in Scienze delle formazione primaria (per la scuola dell’Infanzia e primaria); 

  •  SSIS (per la scuola secondaria); 

  • COBASLID (per la scuola secondaria) 

  •  Diplomi accademici di II livello rilasciati dalle istituzioni AFAM per l’insegnamento dell’Educazione musicale o dello Strumento; 

  •  Diploma di Didattica della Musica (Legge 268/2002); 

  • Concorsi per titoli ed esami indetti antecedentemente al DDG 82/2012; 

  •  Concorso per titoli ed esami indetto con DDG 82/2012 (esclusivamente all’atto della costituzione del rapporto di lavoro); 

  • Sessioni riservate di abilitazione (D.M. 85/2005, D.M. 21/2005, D.M. 100/2004; O.M. 153/1999, O.M. 33/2000, O.M. 3/2001, ecc.) 

  •  Titoli professionali conseguiti all’estero e riconosciuti abilitanti all’insegnamento con apposito Decreto del Ministro dell’Istruzione; 

  •  TFA 

  •  PAS

  •  diploma magistrale conseguito entro a.s. 2001/02,  dichiarato abilitante con DPR pubblicato sulla GU del 15 maggio 2014. 

 In questi giorni è stato pubblicato il bando universitario de L’Aquila che scade il 15 luglio 2015, all’università della Basilicata e di Messina le prove preselettive saranno il 13 e 14 luglio; a Palermo le prove scritte saranno il 20 e 21 luglio. Il totale dei posti a disposizione ammonta a 6.602, che il Ministero ha già diviso per regione, facendo marcia indietro rispetto ai 6.630 posti programmati inizialmente.

Il nostro corso ha una durata di 40 ore e sarà interamente online, attraverso la piattaforma e-learning, disponibile comodamente in qualsiasi ora della giornata, comprensiva di:

  • materiale didattico predisposto dai formatori su tutti gli argomenti previsti dall’Allegato C del decreto ministeriale 30 settembre 2011, favorendo l’esercitazione dei candidati attraverso la simulazione nei modi e tempi previsti dal Ministero per le prove;

  • test a risposta multipla per esercitarsi sulla prova pre-selettiva;

  • test a risposta aperta per le prove scritte su tutti gli argomenti previsti dall’Allegato C del decreto differenziati per scuola dell’infanzia, primaria, secondaria I grado, secondaria II grado;

  • tracce per la stesura di brevi elaborati, differenziate per grado scolastico;

  • tracce per la prova pratica (progetto di lavoro), per grado scolastico.

Il costo del corso è di € 40, al termine del quale sarà rilasciato relativo attestato di frequenza e di partecipazioneLe iscrizioni sono al momento aperte.

Si potrà partecipare alla selezione anche in più di una sede universitaria, purché le date non siano coincidenti, essendo in possesso dell’abilitazione all’insegnamento o di titolo equivalente (compreso il diploma magistrale abilitante conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002).

Le prove riguarderanno:

  • le competenze socio-psico-pedagogiche diversificate per grado di scuola;

  • le competenze sulla cosiddetta intelligenza emotiva, ovvero il riconoscimento e la comprensione delle emozioni dell’alunno e la capacità di aiutarlo ad esprimerle;

  • le competenze su creatività e pensiero divergente, comprendendo sia l’ambito verbale linguistico e logico matematico che i linguaggi non verbali;

  • le competenze organizzative e giuridiche correlate al regime di autonomia delle istituzioni scolastiche.

Ogni università dovrà prevedere:

  • un test preliminare, costituito da 60 quesiti a risposta multipla

  • una o più prove scritte a risposta aperta o pratiche

  • una prova orale

Secondo la normativa, ogni corso dovrà durare non meno di otto mesi e sarà superato con il raggiungimento di 60 crediti formativi universitari e il conseguimento di un esame finale.

Le prove di accesso al secondo ciclo non interesseranno coloro che avevano superato le selezioni del primo ciclo ma erano stati esclusi per sovrannumero o autosospesi per cause sopravvenute: è infatti di questi giorni la notizia che il Miur ha approvato la loro idoneità e dunque l’inserimento automatico nel nuovo Tfa.

Vai alla pagina

WhatsApp
Telegram