Orientamento Universitario: le lauree che “premiano” di più nel mondo del lavoro

WhatsApp
Telegram

Per molti studenti e studentesse che frequentano il V anno delle scuole superiori, i prossimi mesi saranno molto importanti.

Non solo perché ad attenderli ci sarà l’esame di maturità, che con le nuove modalità di svolgimento ha suscitato qualche preoccupazione in più nei futuri diplomandi. Il passo successivo sarà indirizzare il proprio percorso di crescita formativo e professionale verso mete chiare e individuate con consapevolezza. Detto in altri termini, sarà tempo di decidere se (e in che modo) metter piede nel mercato del lavoro oppure guardare al mondo della formazione aprendo un nuovo ciclo di studi. Una scelta ovviamente non definitiva, ma non per questo meno importante. Anzi. Gli anni post-diploma sono centrali per costruire il futuro, sia professionale che formativo, ed è importante “investire” questo tempo in maniera proficua.

Maturare con un certo anticipo una riflessione in tal senso, è un aspetto chiave nella costruzione di un percorso di orientamento efficace. Ebbene, oggi vi daremo qualche informazione in più che potrà risultare utile per tutti quei giovani che dopo aver conseguito il diploma sono orientati a proseguire gli studi iscrivendosi all’Università. I giovani, oltre a essersi interrogati su quale sia il percorso universitario che meglio di altri “asseconda” attitudini, interessi personali e ambizioni professionali, si sono mai chiesti quali sono le lauree che, più di altre, potrebbero aiutarli a trovare un lavoro?

Un’informazione, che ci viene dall’ultima indagine Almalaurea sulla condizione occupazionale dei laureati, potrebbe aiutare nella scelta. Quali sono, dunque, le lauree che danno più chance di trovare un lavoro con uno stipendio più alto della media? Vediamone alcune:

  • Laurea in Sicurezza informatica: quasi tutti laureati magistrali in Sicurezza informatica del 2017 hanno trovato un lavoro; 8 neo-laureati su 10 è assunto con un contratto a tempo indeterminato, svolge un lavoro in linea con le competenze apprese durante il percorso di studi universitario. Soddisfazione buona per il lavoro svolto e una retribuzione media mensile che va oltre i 1.800 euro;
  • Laurea in Ingegneria dell’automazione: oltre il 96% dei neo-laureati trova un lavoro entro 3 anni dalla conseguimento del titolo, 8 su 10 con contratto a tempo indeterminato. Stipendio medio? Circa 1.700 euro netti al mese;
  • Laurea in Scienze della difesa e della sicurezza: circa il 96% dei laureati ha trovato lavoro dopo 3 anni dalla laurea, grazie a un titolo di studio che ha consentito di acquisire competenze e conoscenze subito spendibili nel mercato del lavoro. Prevale (ampiamente) in questo gruppo di laureati un senso di soddisfazione per il percorso di studi fatto e per una retribuzione media di circa 1.900 euro al mese.

Queste alcune delle Lauree che si posizionano in cima alla speciale classifica che più di altre intercettano le esigenze delle attuali tendenze del mercato del lavoro, guidata dalle lauree scientifiche e della vita che superano quelle umanistiche. Almeno entro i primi 3 anni dal conseguimento del titolo.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00