Orientamento: il nuovo Servizio Civile Universale per 39.646 volontari in Italia e all’estero

di redazione

item-thumbnail

Avvicinarsi al mondo del volontariato ha da sempre rappresentato un’occasione per migliaia di giovani di coltivare valori e principi ispirati alla solidarietà e all’altruismo.

Toccare con mano problematiche di carattere sociale ed entrare in contatto con fasce deboli della popolazione sono solo alcuni degli aspetti al centro dei tanti progetti che mirano a “esaltare” gli effetti partecipativi e le ricadute culturali del volontariato, calibrati su target specifici, come nel caso del migrati e rifugiati, o su fenomeni sociali di più ampio respiro.

Il Servizio Civile Universale è tra i principali programmi che offrono opportunità di questo tipo, con risultati che continuano a mostrare, anno dopo anno, l’interesse dei giovani verso iniziative e progetti che abbracciano settori molto eterogenei: dall’ambiente all’assistenza, dall’educazione alla promozione del patrimonio artistico e culturale, e non solo.

Guardiamo in proposito alcuni dati: solo nel 2017, anno in cui sono stati pubblicati 6 bandi con più di 5.000 progetti attivi, i volontari avviati in servizio sono stati 43.141. Di questi, quasi il 50% (48,7%) concentrato al Sud (Isole comprese); il 26,3% e il 25%, rispettivamente, nelle regioni del Nord e del Centro. I giovani che hanno vissuto questa esperienza all’estero sono stati invece 772, coinvolti in iniziative in vari Paesi del mondo:

  • America del sud e America centrale (36,9%);
  • Africa (27,9%);
  • Europa (24,9%);
  • Asia (9,8%);
  • Oceania (0,5%).

Tanti i volontari impegnati nell’ambito dell’assistenza (55,3%), nel campo dell’educazione e della promozione culturale (27,2%), del patrimonio artistico culturale (11%).

Un’esperienza, dunque, che accompagna i giovani in un percorso di crescita personale e professionale e che anche quest’anno il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio civile Universale punta a sostenere con la pubblicazione di un nuovo bando per la selezione di 39.646 operatori volontari da coinvolgere in circa 3.800 progetti in Italia e all’estero.

Come di consueto, possono partecipare alle selezioni giovani di età compresa tra i 18 e i 28 anni, liberi di candidarsi a uno dei tanti progetti promossi da organizzazioni distribuite su tutto il territorio nazionale e all’estero. Il bando prevede che i volontari percepiscano un contributo mensile pari a 439,50 euro netti, che saranno poi integrati da una maggiorazione per coloro che sceglieranno un progetto all’estero.

C’è tempo fino al 10 ottobre 2019 per inviare la candidatura e per provare a lanciarsi in un’esperienza che potrebbe essere foriera anche di nuove opportunità professionali.

Versione stampabile
Argomenti: