Organizzazione del lavoro del personale ATA: un esempio di direttiva

WhatsApp
Telegram

La presente organizzazione del lavoro è predisposto sulla base ed entro i limiti previsti dalla normativa vigente ed in particolar modo secondo quanto stabilito dal C.C.N.L. 2006-2009 e dal D.lgs. 165/2001 come novellato dal D.Lgs 150/2009

Obblighi del dipendente personale amministrativo, tecnico e ausiliario: art. 92 CCNL 2006/2009

Il dipendente adegua il proprio comportamento all’obbligo costituzionale di servire esclusivamente la Repubblica con impegno e responsabilità̀ e di rispettare i principi di buon andamento e imparzialità̀ dell’attività̀ amministrativa, anteponendo il rispetto della legge e l’interesse pubblico agli interessi privati propri ed altrui. Il dipendente si comporta in modo tale da favorire l’instaurazione di rapporti di fiducia e collaborazione tra l’Amministrazione e i cittadini.

Cosa deve fare il dipendente in modo particolare

In tale contesto, tenuto conto dell’esigenza di garantire la migliore qualità̀ del servizio – si legge nell’eccellente e ben strutturata direttiva dell’Istituto Comprensivo N.1 di Porto Torres diretto dal dirigente scolastico prof.ssa Annarita Pintadu – il dipendente deve in particolare:

  • esercitare con diligenza, equilibrio e professionalità̀ i compiti costituenti esplicazione del profilo professionale di titolarità;
  • cooperare al buon andamento dell’istituto, osservando le norme del presente contratto, le disposizioni per l’esecuzione e la disciplina del lavoro impartite dall’Amministrazione scolastica, le norme in materia di sicurezza e di ambiente di lavoro;
  • rispettare il segreto d’ufficio nei casi e nei modi previsti dalle norme vigenti;
  • non utilizzare ai fini privati le informazioni di cui disponga per ragioni d’ufficio nei rapporti con il cittadino, fornire tutte le informazioni cui abbia titolo, nel rispetto delle disposizioni in materia di trasparenza e di accesso alle attività amministrative previste dalla legge 7 agosto 1990 n. 241, dai regolamenti attuativi della stessa vigenti nell’Amministrazione, nonché agevolare le procedure ai sensi del D.lgs. n.443/2000 e del DPR n.445/2000 in tema di autocertificazione;
  • favorire ogni forma di informazione e di collaborazione con le famiglie e con gli alunni;
  • rispettare l’orario di lavoro, adempiere alle formalità previste per la rilevazione delle presenze e non assentarsi dal luogo di lavoro senza l’autorizzazione del Dirigente Scolastico;
  • durante l’orario di lavoro, mantenere nei rapporti interpersonali e con gli utenti condotta uniformata non solo a principi generali di correttezza ma, altresì, all’esigenza di coerenza con le specifiche finalità educative dell’intera comunità scolastica, astenendosi da comportamenti lesivi della dignità degli altri dipendenti, degli utenti e degli alunni;
  • non attendere ad occupazioni estranee al servizio e ad attività lavorative, ancorché non remunerate, in periodo di malattia od infortunio;
  • eseguire gli ordini inerenti all’esplicazione delle proprie funzioni o mansioni che gli siano impartiti dai superiori. Se ritiene che l’ordine sia palesemente illegittimo, il dipendente deve farne rimostranza a chi l’ha impartito dichiarandone le ragioni; se l’ordine è rinnovato per iscritto ha il dovere di darvi esecuzione. Il dipendente, non deve, comunque, eseguire l’ordine quando l’atto sia vietato dalla legge penale o costituisca illecito amministrativo;
  • tenere i registri e le altre forme di documentazione previste da specifiche disposizioni vigenti per ciascun profilo professionale;
  • assicurare l’integrità̀ degli alunni secondo le attribuzioni di ciascun profilo professionale;
  • avere cura dei locali, mobili, oggetti, macchinari, attrezzi, strumenti ed automezzi a lui affidati;
  • non valersi di quanto è di proprietà dell’Amministrazione per ragioni che non siano di servizio;
  • non chiedere né accettare, a qualsiasi titolo, compensi, regali o altre utilità in connessione con la prestazione lavorativa;
  • osservare scrupolosamente le disposizioni che regolano l’accesso ai locali dell’Amministrazione da parte del
    personale e non introdurre, salvo che non siano debitamente autorizzate, persone estranee all’Amministrazione stessa in locali non aperti al pubblico;
  • comunicare all’Amministrazione la propria residenza e dimora, ove non coincidenti, ed ogni successivo mutamento delle stesse;
  • in caso di malattia, dare tempestivo avviso all’ufficio di appartenenza, salvo comprovato impedimento;
    astenersi dal partecipare all’adozione di decisioni o ad attività che possano coinvolgere direttamente o indirettamente propri interessi finanziari o non finanziari.

Direttive generali riguardanti gli aspetti e le modalità dell’organizzazione e realizzazione del servizio

Rispetto dell’orario di lavoro, è necessario rispettare scrupolosamente l’orario di lavoro stabilito ed impegnarsi con attenzione e responsabilità nello svolgimento dei compiti assegnati, della presenza in servizio di ciascun dipendente, fa fede la firma nell’unico registro presente in ciascuna sede. L’orario di lavoro è funzionale all’orario di servizio e di apertura all’utenza, secondo quanto stabilito nell’organizzazione oraria di ciascun plesso.

Articolazione dell’orario

Il DSGA articolerà l’orario – si legge nella direttiva in uso all’Istituto Comprensivo N.1 di Porto Torres che si distingue sempre per l’eccellente modo con cui è gestito – su cinque/sei giorni di lavoro dal lunedì al venerdì/sabato. Per il personale amministrativo l’orario di lavoro giornaliero, si articola in 36 ore settimanali su 6/5 giorni. Per gli Assistenti Amministrativi si attua la flessibilità. Per i collaboratori scolastici l’orario di servizio si articolerà sulla base dell’organizzazione disposta dal DSGA nel Piano delle attività e dovrà essere funzionale all’orario di servizio di tutto il personale e sufficiente a coprire tutte le esigenze di servizio e di apertura all’utenza. Il personale in servizio non potrà recarsi a scuola e svolgere attività fuori del proprio orario di servizio senza essere preventivamente autorizzato per attività oggettivamente documentate dal Dirigente scolastico e il DSGA. Durante l’orario di lavoro, non assentarsi dal servizio senza essere autorizzati con richiesta scritta per permesso breve o uscita per servizio; prima di lasciare l’edificio provvedere alla richiesta scritta di permesso al Dirigente scolastico e al DSGA. Comunicare tempestivamente le proprie assenze con preventiva autorizzazione e visto del Dirigente scolastico e del DSGA, e soprattutto la loro natura e la loro durata, per permettere all’ufficio di espletare tutte le pratiche amministrative che ne conseguono. In particolare, in caso di assenza per malattia vanno osservate le indicazioni dettate dal comma 10, art. 17 del CCNL che si riportano integralmente come segue: “L’assenza per malattia, salva l’ipotesi di comprovato impedimento, deve essere comunicata alla segreteria in cui il dipendente presta servizio, tempestivamente e comunque non oltre l’orario di lavoro del giorno in cui essa si verifica, anche nel caso di prosecuzione di tale assenza”.

Modalità di utilizzo del Badge

L’Istituzione scolastica – si legge nella direttiva dell’Istituto Comprensivo N.1 di Porto Torres brillantemente diretto dal dirigente scolastico prof.ssa Annarita Pintadu – è dotata di rilevazione elettronica delle presenze ( badge), ciascun dipendente dovrà provvedere quotidianamente personalmente alla marcatura del badge secondo le seguenti indicazioni:

  • Il tesserino magnetico individuale (badge) assegnato ad ogni unità di personale è tassativamente personale. Il Tesserino costituisce il documento identificativo con cui si avrà accesso e uscita indifferentemente. Non è assolutamente consentito delegare la lettura del proprio badge, in quanto per tale infrazione si dovrà disporre un provvedimento disciplinare, secondo quanto previsto dalla normativa vigente. il Decreto Legislativo n. 150 del 27 ottobre 2009, art. 67, 68, 69.
  • Timbrare il badge sia all’inizio che al termine del proprio turno di servizio, non sono ammesse entrate od uscite autonomamente anticipate o posticipate rispetto all’orario fissato;
  • Il personale in servizio è tenuto a timbrare il badge magnetico per verifica della presenza in entrata e in uscita dal servizio, comprese le uscite/rientri relativi ai permessi orari richiesti adeguatamente motivati per iscritto e concessi dal Dirigente scolastico e dal DSGA;
  • Il personale in servizio è tenuto a timbrare il badge magnetico, come per i permessi orari, anche per le uscite di servizio da documentare nell’apposito modulo predisposto;
  • In caso di permesso breve per registrare la mancata presenza nell’edificio, l’ora di uscita e quella del successivo rientro dovranno coincidere con i dati della richiesta di permesso;
  • I permessi orari di tutto il personale ATA dovranno essere richiesti per iscritto al Dirigente scolastico e saranno autorizzati dal Dirigente scolastico e dal DSGA, solo se non pregiudicano il normale svolgimento dell’attività dell’amministrazione scolastica; non è permesso assentarsi durante l’orario di lavoro senza giustificazione; in caso di permesso breve prima di lasciare l’edificio provvedere alla richiesta scritta di permesso al Dirigente scolastico e all’utilizzo del badge.

Non sono consentite scritte ed alterazioni dei dati riportati automaticamente sul cartellino in fase di timbratura; in caso di malfunzionamento dell’apparecchiatura non vanno effettuate modifiche ai dati, ma ne va segnalata la disfunzione.

Controllo delle presenze

L’assistente amministrativa addetta al controllo del rilevatore elettronico è tenuta a controllare giornalmente il report degli ingressi e delle uscite e la regolarità delle timbrature giornaliere, rispetto all’orario prestabilito per ogni singolo dipendente e riferirà, al Dirigente scolastico e al DSGA eventuali incongruenze di timbratura. Ogni quindici giorni presenterà il report al Dirigente scolastico e al DSGA degli ingressi e delle uscite. Il Dirigente scolastico effettuerà delle verifiche periodiche.
Tutto il personale è tenuto a registrare sia l’ingresso che l’uscita dall’Istituto utilizzando il badge secondo le modalità indicate dal regolamento, sul sistema automatizzato del rilevatore elettronico delle presenze, pubblicato nel sito istituzionale. Il controllo delle presenze giornaliere del personale ATA è del Dsga.

Configurazione del badge

Il Badge è stato configurato secondo diversi codici:

  • Ingresso
  • Uscita
  • Permesso breve;
  • Uscita per servizio;
  • Straordinario
  • Progetti;
  • Assemblea sindacale.

Il personale ATA e i dati sensibili

Cosa deve affare, in maniera assolutamente preciso, il personale ATA? Deve:

  • Porre particolare attenzione all’osservanza di tutte le norme riguardanti il trattamento dei dati sensibili legati al rispetto della privacy. Evitare pertanto che ogni informazione di cui si venga a conoscenza durante l’espletamento dei propri compiti possa essere indebitamente ed erroneamente usata o divulgata, sia essa riguardante gli alunni o le famiglie, sia tutti gli altri operatori della scuola.
  • Esaminare attentamente tutti i documenti per i quali necessiti la pubblicazione nel sito istituzionale poiché, nel caso contenessero dati personali, questi ultimi dovranno essere opportunamente omessi o, comunque, resi illeggibili.
  • Mantenere sempre un atteggiamento corretto e rispettoso nei confronti dell’utenza, dei colleghi, dei superiori e di tutti gli operatori della scuola.
  • Porre particolare attenzione nel rilevare situazioni e comportamenti che possano causare pericolo facendone immediata segnalazione al Dirigente Scolastico e al DSGA , in loro assenza, ai referenti per la sicurezza nei singoli plessi e ai collaboratori del Dirigente scolastico.
  • Osservare tutte le scadenze per la riconsegna di atti e/o documenti vari richiesti dal D.S. o dal D.S.G.A..
    Prendere visione di tutte le circolare interne (anche dopo il rientro in caso di eventuali assenze) ed attenersi alle relative disposizioni.
  • Apporre la propria firma nel modulo allegato alle circolari interne, osservando scrupolosamente il calendario degli organi collegiali e tutte le attività programmate nell’anno scolastico in corso. In ogni caso tutte le circolari e gli avvisi affissi all’albo della scuola si intendono regolarmente notificati a tutto il personale al fine di poter assicurare un efficiente servizio.
  • Limitare al minimo l’uso del cellulare al fine di garantire la massima attenzione nell’espletamento dei propri compiti.

Divieto di fumo

E’ fatto inoltre divieto assoluto, secondo la normativa vigente in applicazione del D.L. 104 del 12.09.2013, si dispone il divieto di fumare in tutti i locali dell’Istituto e nelle relative pertinenze esterne. Per ragioni educative, il divieto di fumare viene esteso, negli stessi luoghi, anche alle sigarette elettroniche.

Destinatari della disposizione

La disposizione – si legge nella eccezionale direttiva impartita daell’Istituto Comprensivo N.1 di Porto Torres diretto con grande capacità manageriale e organizzativa dal dirigente scolastico prof.ssa Annarita Pintadu – è diretta a tutto il personale dell’Istituto, agli allievi ed a quanti dovessero trovarsi,
anche occasionalmente all’interno dei locali e delle pertinenze esterne dell’Istituto. Deve essere altresì attuata dai concessionari di servizi a favore della scuola e dai soggetti che utilizzano, a qualunque titolo, gli immobili di proprietà della scuola.

Finalità

La presente disposizione, redatta in attuazione della vigente normativa, ha una finalità educativa e non
repressiva, prefiggendosi di:

  • educare al rispetto delle norme;
  • prevenire l’abitudine al fumo;
  • incoraggiare i fumatori a ridurre il numero giornaliero delle sigarette;
  • proteggere i non fumatori dai danni derivanti dal fumo passivo;
  • educare gli allievi a scelte consapevoli, mirate alla salute propria ed altrui.

Soggetti preposti al controllo dell’applicazione del divieto

In attuazione dell’art. 4, comma 1, lettera b) del DPCM 14/12/1995 e dell’Accordo Stato-Regioni del 16/12/04, è necessario provvedere, in ciascun plesso o piano, i funzionari incaricati di vigilare e contestare le infrazioni al divieto di fumare.

Sarà compito dei predetti incaricati:

  • vigilare sulla corretta apposizione dei cartelli informativi, da collocarsi in posizione ben visibile in tutti i luoghi ove vige il divieto;
  • vigilare sull’osservanza del divieto, accertare le infrazioni, contestare immediatamente al trasgressore laviolazione, verbalizzandola con l’apposita modulistica;
  • notificare, tramite gli uffici amministrativi, la trasgressione alle famiglie dei minorenni sorpresi a fumare edai trasgressori, comunque identificati, che hanno rifiutato la notifica.

Per le trasgressioni sarà inevitabile l’applicazione delle sanzioni previste dalla legge. Tutto il Personale della Scuola svolgerà̀ funzione di controllo e in particolare gli incaricati nominati dal Dirigente.

Direttive di carattere amministrativo al personale assistente per l’espletamento dei compiti affidati

Tutta l’attività amministrativa va impostata e condotta secondo la normativa vigente, le indicazione e le circolari in vigore sull’argomento emanate dal MIUR e dall’ All’Ufficio scolastico regionale (comprese quelle eventualmente emanate da vari enti del territorio (Comune e provincia).

Ma cosa fa il personale Amministrativo?

Deve:

  • Procedere all’evasione delle pratiche di propria competenza con la massima tempestività, rispettando le scadenze e comunicando al D.S.G.A. la possibilità di eventuali ritardi e la relativa causa.
  • Far presente al Dirigente scolastico e al D.S.G.A. qualsiasi situazione irregolare di cui si venga a conoscenza al fine di permetterne la tempestiva regolarizzazione (ritardata o mancata consegna di atti, richieste o documenti vari sia da parte del personale dipendente o delle famiglie, sia da parte di enti vari e/o altre istituzioni scolastiche).
  • Particolare attenzione va posta per le giustificazioni di eventuali assenze per malattia da acquisire secondo i termini indicati dal C.C.N.L. in vigore (comma 11 art, 17); la documentazione prodotta dagli interessati va inoltre attentamente esaminata affinché sia conforme sia al dettato della Legge 133/2008 – art. 71-, sia all’obbligo dell’acquisizione on-line;
  • In caso di assenza comunicare direttamente al D.S.G.A. (o all’unità amministrativa che lo sostituisce) l’eventuale giacenza di pratiche di propria competenza in immediata scadenza o comunque aventi carattere di urgenza.
  • In caso di assenza del D.S.G.A. lasciare in visione la corrispondenza pervenuta con particolare riguardo a quella di carattere amministrativo-contabile.
  • Controllare che le pratiche elaborate e sottoposte alla firma del Dirigente scolastico siano complete di timbri, firme e allegati.
  • Il personale in servizio che riceve le comunicazioni telefoniche di assenza è pregato di notificarle tempestivamente ai collaboratori di plesso al fine di permettere le dovute sostituzioni.
  • Controllare il buon esito dell’invio di eventuali comunicazioni attraverso e-mail effettuando la verifica che non esistano messaggi di ritorno di mancata ricezione; l’operazione di controllo è a carico di ciascuno per i messaggi personalmente inviati.
  • Consegnare al docente che prende in consegna il materiale ( computer, strumenti tecnologici vari, materiale di facile consumo) di qualsiasi tipo, il modulo predisposto che documenta la consegna dello stesso.

Rispetto alle circolari? Una buona prassi?

L’assistente amministrativo che ha il compito di inoltrare la circolare dovrà provvedere a sottoporla prioritariamente all’attenzione del DSGA e del Dirigente Scolastico e divulgare la stessa ai vari plessi contattando i fiduciari di plesso e inviando le comunicazioni con gli allegati dei vari enti, associazioni o documenti vari, via fax o per posta elettronica.

DIRETTIVA – ORGANIZZAZIONE GENERALE

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur