Organico potenziato: ho 53 anni e le mie mansioni mi vengono comunicate ogni settimana dalla “referente”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Riprendiamo, dopo aver ricevuto decine di sollecitazioni da parte di docenti interessati, a pubblicare cattivi esempi di utilizzo dell’organico potenziato.

“Anch’io mi trovo nella situazione descritta da tanti colleghi: assunta come docente di potenziamento, pur avendo un orario, questo oltre a non essere rispettato per quanto riguarda le classi (e passi, basta lavorare!), non viene soprattutto rispettato per quanto riguarda ore e giorni di entrata e uscita. In sostanza, una-due volte la settimana mi viene detto dalla Referente quali saranno le mie mansioni, in quali giorni e in quali orari. Inutile dire che in questo modo non mi è possibile programmarmi gli impegni extrascolastici. A 53 anni forse avrei diritto di poterlo fare, no?”

Ricordiamo che le mansioni dei docenti che occupano orario di potenziamento non vengono decise all’impronta dal dirigente o da chi ne fa le veci, ma dal collegio docenti a seguito di una progettazione didattica ben precisa. Inoltre, è chiaro che si tratta di un vero e proprio sopruso non consentire alla docente di avere un orario stabile.

Inviaci la tua esperienza (anonimato garantito se richiesto): [email protected]

Tutte le altre esperienze

Versione stampabile
anief
soloformazione