Organico di fatto, tra le novità i limiti di capienza delle classi

Stampa

Pubblichiamo stralci del resoconto UIL relativi all’incontro avvenuto al MIUR per quanto riguarda l’organico di fatto. Pubblichiamo inoltre, nello speciale, la Circolare che presenta qualche novità rispetto allo scorso anno.

Pubblichiamo stralci del resoconto UIL relativi all’incontro avvenuto al MIUR per quanto riguarda l’organico di fatto. Pubblichiamo inoltre, nello speciale, la Circolare che presenta qualche novità rispetto allo scorso anno.

Decreto Legge n.98 del 6 luglio
Oltre a quanto già comunicato, la bozza presentata nel corso dell’incontro recepisce alcuni aspetti del Decreto Legge n.98 del 6 luglio scorso, sia per quanto riguarda gli esoneri o i semiesoneri dei collaboratori dei dirigenti scolastici che per quanto riguarda i criteri per la determinazione e l’assegnazione dei posti di sostegno.

Inglese primaria
In particolare è stato chiarito che, per l’insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria, i dirigenti scolastici dovranno adottare soluzioni organizzative più utili affinché tutti i docenti specializzati in servizio nella scuola siano impegnati nelle classi loro assegnate oltre che per l’insegnamento della lingua inglese anche per gli altri insegnamenti. Evitando, quindi, la trasformazione di detti insegnanti in insegnanti specialisti.

Limiti di capienza aule
Nel testo della circolare sarà anche previsto che nella formazione delle classi dovranno essere rispettati i limiti di capienza delle aule.
In queste situazioni, in presenza di certificazioni rilasciata dall’autorità competente, le classi devono essere sdoppiate. La Uil ha ribadito che in organico di fatto vanno risolte tutte le situazioni di criticità relative alle classi troppo numerose, fuori dai limiti previsti dalle norme vigenti (DPR 81/2009).

Nomine da parte delle scuole
Ha ribadito, inoltre, che a settembre le scuole devono comunque funzionare e in caso di bisogno deve essere nominato il personale necessario.
Il Miur ha individuato nella data del 23 luglio il termine ultimo entro il quale i dirigenti scolastici dovranno comunicare alle sedi territoriali degli Uffici scolatici regionali sia le variazioni del numero delle classi che il numero dei posti e degli spezzoni-orario che non sia stato possibile coprire.

Vai allo speciale con la circolare

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!