Organico Covid, Flc Cgil Puglia: risorse aggiuntive ancora insufficienti. Così non si riparte in sicurezza

Stampa

Flc Cgil Puglia – Con il Decreto Interministeriale 95 del 10 agosto 2020 sono stati stanziati quasi 900 milioni di euro quale “Fondo per l’emergenza epidemiologica da COVID-19”, da destinare alla stipula di contratti a tempo determinato del personale scolastico al fine di consentire l’avvio e lo svolgimento dell’anno scolastico 2020/2021 nel rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica.

Tali fondi sono stati ripartiti tra gli uffici scolastici regionali per il 50% sulla base del numero degli alunni presenti al sistema informativo del Ministero e, per il rimanente 50%, proporzionalmente alle richieste avanzate dagli uffici scolastici regionali (sulla base di un monitoraggio delle richieste effettuato tra tutte le Istituzioni Scolastiche).

La Puglia beneficia di un fondo complessivo pari quasi a 85 milioni di euro, con cui operare assunzioni straordinarie di personale scolastico.

L’USR, sentite le Organizzazioni Sindacali regionali, per quanto concerne la distribuzione dell’organico alle scuole, ha stabilito di seguire i parametri già individuati dal Ministero per l’assegnazione delle risorse alle regioni:

1) 50% sulla base degli studenti iscritti;

2) 50% sulla base della rilevazione dei bisogni, con una suddivisione tra il I ciclo (infanzia, primaria e secondaria di I grado) e II ciclo (secondaria di II grado), in rapporto, rispettivamente, di 2/3 e 1/3 del totale.

Successivamente le risorse sono state suddivise tra le province attraverso due parametri: il numero di studenti iscritti e il numero di istituzioni scolastiche (in coda al comunicato è presente la tabella con i dati analitici).

Ciononostante, le risorse finanziare assegnate non sono sufficienti a coprire le richieste delle istituzioni scolastiche. Inoltre, dall’analisi di queste istanze, si è riscontrato che gran parte dei posti richiesti riguarda il profilo di collaboratore scolastico segno che questi dati debbano essere letti considerando il quadro di condizioni strutturali, anche a prescindere dall’emergenza sanitaria.

Per la FLC Puglia la richiesta massiccia di collaboratori scolastici è l’ennesima conferma di quanto denunciamo da diverso tempo: i tagli sull’organico del personale ATA degli scorsi anni, dettati esclusivamente da ragioni di natura economica, hanno messo in difficoltà le scuole a cominciare dalla pulizia degli ambienti, la vigilanza sugli studenti, l’apertura e la chiusura dei plessi oltre alle nuove e ulteriori incombenze ricadute sulle spalle delle segreterie scolastiche sulle quali, in ultimo, si è scaricato il lavoro sulle graduatorie per le supplenze.

La richiesta di ulteriori spazi per svolgere l’attività didattica avanzata da 267 scuole pugliesi, pari al 47% di quelle che hanno risposto al Ministero dell’Istruzione, testimonia le difficoltà che esse hanno nell’ipotizzare lo sdoppiamento delle classi a causa di problemi legati alla vetustà degli edifici scolastici, oltreché alla loro inadeguatezza. A tal proposito è opportuno ricordare alcuni dati che riguardano lo stato dell’edilizia scolastica in Puglia: più della metà delle scuole è stato costruito prima del 1975, quindi ha oltre 45 anni, il 78% delle scuole non ha il certificato di agibilità, il 59% non possiede il certificato di prevenzione incendi, il 35% è sprovvisto di certificato di collaudo statico e il 74% non ha il certificato di agibilità igienico-sanitaria.

Per poter ripartire e continuare a lavorare in sicurezza, anche oltre lo stato di emergenza, è necessario che si preveda, finalmente, un piano di investimenti nella scuola, che sia strutturale e non più straordinario, per dare attuazione ad un robusto intervento di edilizia scolastica e per potenziare gli organici del personale scolastico, mettendo così la parola fine al fenomeno delle classi pollaio.

Distribuzione risorse

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile