Organico COVID, docenti ed ATA potranno essere sostituiti fin dal primo giorno di assenza. Bozza decreto, ANTEPRIMA

In via di definizione il Decreto “scostamento” che permetterà un aumento di spesa di 25 miliardi. Tra le voci presenti nel testo della bozza anche la scuola che rientra con varie voci, tra queste una legata al personale cosiddetto COVID, perché sarà utilizzato esclusivamente in casi legati al mantenimento delle misure di sicurezza.

Infatti, ricordiamo che all’articolo 231-bis del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 convertito con modificazioni dalla legge 17 luglio 2020, n. 77 saranno attivati “ulteriori incarichi temporanei di personale docente e amministrativo, tecnico e ausiliario (ATA) a tempo determinato dalla data di inizio delle lezioni o dalla presa di servizio fino al termine delle lezioni, non disponibili per le assegnazioni e le utilizzazioni di durata temporanea. In caso di sospensione dell’attività in presenza, i relativi contratti di lavoro si intendono risolti per giusta causa, senza diritto ad alcun indennizzo

Nel decreto “scostamento”, sono previsti 368 milioni di euro nel 2020 e a 552 milioni di euro nel 2021 che consentiranno la sostituzione del personale assunto per l’emergenza fin dal primo giorno di assenza. Supplenti che dovranno essere, però, assunti prioritariamente tra il personale abilitato o con titoli di studio idoneo.

Nel decreto viene, infine, ribadito che il personale assunto solo per l’emergenza sanitaria, sia docenti che ATA, “non si applicano le modalità di lavoro agile”

Preparazione concorsi, TFA e punteggio in graduatoria con CFIScuola!