Organici. UIL Scuola Puglia, chiediamo 3.000 posti per contrastare le classi pollaio

Stampa

“Ancora una volta la politica nazionale si mostra sorda nei confronti della scuola, del futuro delle nuove generazioni, argomenti buoni solo per le campagne elettorali e per gli slogan”.

Lo dichiara Gianni Verga, Segretario generale della UIL Scuola Puglia, che spiega: “Purtroppo, alla riunione convocata dall’assessore regionale all’istruzione, Sebastiano Leo, molti dei parlamentari pugliesi, tutti invitati a partecipare, erano assenti. Come al solito, ci sono problemi più importanti della scuola di cui occuparsi, come al solito i lavoratori della scuola e gli studenti sono i figli di un Dio minore in questo Paese, nonostante da anni il sistema scolastico, specialmente al Sud e in Puglia in particolare, sopravviva esclusivamente grazie al senso del dovere e alla passione di dirigenti scolastici, docenti e personale Ata, di chi, insomma, pur lavorando in condizioni pessime, senza risorse, senza prospettive occupazionali stabili, sotto organico e in istituti fatiscenti, non si rassegna all’assenza totale di volontà politica e a un futuro di mediocrità per i propri figli e per i figli di tante famiglie pugliesi”.
“L’unica nota positiva è che oggi è stata concordata una mozione di impegno e, soprattutto, la programmazione di un’audizione alla quale parteciperanno l’assessore Leo e i sindacati di categoria regionali presso la VII Commissione del Senato. Se Maometto non va la montagna, la montagna va da Maometto. Andremo noi a Roma, magari sarà più comodo partecipare per i parlamentari locali… Al Senato – chiosa Verga – ribadiremo, senza se e senza ma, il nostro punto di vista: la Puglia è già stata la regione più penalizzata del Mezzogiorno e d’Italia. All’appello, per colmare le carenze di personale, mancano 3000 posti-docenti, che vanno colmati per riuscire quantomeno a limitare il fenomeno delle classi pollaio. Il rapporto classe/studenti, in Puglia, è ancora troppo elevato, ben al di sopra della media nazionale: non è possibile continuare a fare le nozze con i fichi secchi, la qualità dell’offerta formativa deve essere elevata per rendere la scuola pugliese nuovamente competitiva. Inoltre, i 3000 posti consentirebbero di porre rimedio alla condizione di tanti docenti costretti ad emigrare lontano da casa per ottenere una cattedra e porre fine alla piaga del precariato”.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!