Organici: il TAR Lazio rinvia al 19 luglio la decisione sui ricorsi presentati dalla FLC

di redazione
ipsef

CGIL – Il MIUR non presenta gli atti. Il Tar Lazio ha rinviato al 19 luglio prossimo la decisione sui ricorsi presentati dalla FLC CGIL avverso la circolare ministeriale n. 37. Il giudice amministrativo ha deciso il rinvio sulla base del fatto che il Ministero dell’Istruzione non ha depositato gli atti relativi ai ricorsi.

CGIL – Il MIUR non presenta gli atti. Il Tar Lazio ha rinviato al 19 luglio prossimo la decisione sui ricorsi presentati dalla FLC CGIL avverso la circolare ministeriale n. 37. Il giudice amministrativo ha deciso il rinvio sulla base del fatto che il Ministero dell’Istruzione non ha depositato gli atti relativi ai ricorsi.

La circolare impugnata dovrebbe trasmettere il decreto interministeriale, a firma Gelmini – Tremonti, sulle dotazioni organiche del personale docente. Ad oggi non c’è traccia di questo decreto, neppure sotto forma di schema. A differenza degli anni scorsi, gli unici atti, allegati alla circolare, sono le tabelle che definiscono il numero di posti da tagliare.

Il Ministero avrebbe quindi dovuto presentare questo provvedimento. Non lo ha fatto e, conseguentemente, il giudice ha deciso di rinviare la decisione sulle richieste di sospensiva sia per gli organici della scuola primaria che secondaria. E’ evidente che in assenza di questo atto tutti gli interventi sugli organici posti in essere fino ad oggi non possono essere ritenuti legittimi.

Tagli epocali presentati come riforme, nessun rispetto delle leggi e dei diritti dei lavoratori: questo è stato il modo di operare della Ministra Gelmini. Reiteriamo la richiesta fatta qualche giorno fa con la lettera del Segretario generale della FLC CGIL: è assolutamente necessario fare un passo indietro rispetto a scelte che stanno compromettendo irrimediabilmente il nostro sistema di istruzione.

La FLC non accetterà mai questa deriva e proseguirà la propria azione, oltre che sul versante legale, con ulteriori iniziative di mobilitazione e di contrasto.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare