Organici docenti, come si forma una cattedra orario esterna. Quali regole rispettare

Stampa

E’ tempo di costituzione degli organici. E’ tempo di costituire anche le cattedre orario esterne, la competenza è dell’ufficio Scolastico territoriale, quali regole si devono rispettare. 

Una Cattedra Orario Esterna (COE) è una cattedra costituita con il contributo orario di più istituzioni scolastiche ed è composta da una sede principale e da una o più sedi di completamento.

Sede principale di una COE

La sede principale di una COE è la scuola nella quale, dall’organico, risulta la titolarità della cattedra.

Solitamente la sede principale corrisponde alla scuola con lo spezzone orario più consistente, anche se potrebbero verificarsi delle eccezioni. Per salvaguardare la titolarità del docente, infatti, è possibile costituire una COE con sede principale nella scuola di titolarità anche se con minor numero di ore rispetto alla sede di completamento

Sede di completamento di una COE

La sede di completamento di una COE potrebbe essere più di una scuola autonoma, al fine di combinare più spezzoni che consentano di costituire una cattedra completa.

Nella costituzione di una COE possono essere accorpate massimo tre scuole autonome ubicate in non più di due comuni diversi.

Nel caso di Istituto con sedi ubicate in comuni diversi (IC o IIS), il contributo orario dei vari plessi viene considerato come unico e riferibile ad un’unica sede, quella principale dell’Istituto sede di organico. In questo caso, se tale contributo orario non determina una cattedra completa, l’eventuale costituzione di una COE con una o due sedi di completamento, potrebbe determinare una cattedra costituita con sedi ubicate in più di due comuni.

L’accorpamento delle sedi di una COE deve in ogni caso rispettare il criterio della facile raggiungibilità, in quanto deve essere garantita al docente la possibilità di spostarsi nella stessa giornata da una sede di servizio ad un’altra. La distanza chilometrica non superiore ai 30 Km, stabilita nell’OM 322/96, deve ritenersi abrogata in quanto non più citata nelle ordinanze successive e la condizione della facile raggiungibilità si può ritenere soddisfatta nel momento in cui fra i due comuni vi sia un collegamento rapido ed agevole secondo la viabilità ordinaria e tale da non ostacolare l’esercizio dell’attività didattica

La composizione di una COE può cambiare?

La composizione di una COE può cambiare nel corso degli anni scolastici per quanto riguarda la sede di completamento.

Se cambia la consistenza dello spezzone orario nella sede principale o se non risulta la stessa disponibilità oraria nelle sedi di completamento, la composizione della COE l’anno successivo viene modificata.

Come chiarisce, infatti, art.11 comma 5 del CCNI, “ le cattedre costituite su più scuole, possono essere modificate negli anni scolastici successivi per quanto riguarda gli abbinamenti qualora non si verifichi più disponibilità di ore nella scuola assegnata per completamento di orario. Pertanto, i docenti trasferiti su tali cattedre sono tenuti a completare l’orario d’obbligo nelle scuole nelle quali il nuovo organico prevede il completamento d’orario ”

Quali regole per la costituzione di una COE

A parte il criterio della facile raggiungibilità tra le sedi, sono due le regole principali che devono essere seguite per la costituzione di una COE.
Indichiamole brevemente
1- non si possono costituire COE “miste”
Una COE, infatti, può essere composta soltanto con spezzoni orario relativi alla stessa classe di concorso e alla stessa tipologia di posto
2- non si possono costituire COE con sedi ubicate in province diverse
Una COE può comprendere, infatti, scuole ubicate anche in comuni diversi, ma sempre e comunque all’interno della stessa provincia

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile