Organici docenti 2024-25, Uil Scuola Rua: “Trasformare l’organico di fatto in organico di diritto resta imprescindibile, soprattutto per sostegno”

WhatsApp
Telegram

L’organico del personale docente è rimasto pressoché invariato rispetto a quello dello scorso anno. Continuiamo a sostenere la nostra contrarietà su diversi punti. Così la Uil Scuola Rua dopo la riunione con il Ministero sulla dotazione organica del personale docente per l’anno scolastico 2024-25.

I posti di educazione motoria attivati nelle classi IV e V della scuola primaria sono ad invarianza di organico. Abbiamo più volte ribadito come, a regime, tale provvedimento determinerà una riduzione dei posti comuni e di sostegno e una riduzione del numero di classi complessivamente autorizzabili sui territori. Non si tratta infatti di posti o ore aggiuntive, ma autorizzabili nel limite delle risorse finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente e a invarianza di dotazione organica complessiva vigente” scrive la Uil.

Per quanto riguarda i posti di sostegno il sindacato rileva che “dopo l’incremento di 9.000 posti per l’a.s. 2023/24, previsto dalla legge di bilancio del 2020, l’organico resta invariato per l’a.s. 2024/25. Abbiamo ricordato come l’aumento dei posti in organico di diritto per il 2023/24 deriva da un piano più ampio che prevede sostanzialmente una riduzione delle risorse di personale specializzato per l’insegnamento agli alunni con disabilità“.

La trasformazione dell’intero organico di fatto in organico di diritto resta, per la UIL, un punto imprescindibile, soprattutto per i posti di sostegno, che
permetterebbe non solo di assumere il personale precario su tutti i posti vacanti oggi disponibili ma soprattutto eviterebbe un numero esorbitante di supplenti che non garantiscono la continuità didattica agli alunni con disabilità. Il costo della stabilizzazione per ogni precario – da noi quantificato attraverso un recente studio – è di circa 720 euro“.

Relativamente alle classi in deroga per la Uil resta “incomprensibile la riduzione di più di 2.000 posti effettuata lo scorso anno. Rispetto agli 8.739 dell’a.s, 2022/23, i posti, per l’a.s. 2024/25, sono infatti 6.727. Questo “taglio” è stato effettuato per la necessità di coprire l’insegnamento dell’ed. motoria nelle classi della scuola primaria. È una vera riduzione di posti che non permetterà a numerose classi la deroga, rispetto ai parametri stabiliti dalla normativa vigente, non risolvendo il problema delle “classi pollaio”. La denatalità deve rappresentare una opportunità e non una penalizzazione. A
fronte di un tasso di denatalità, infatti, che produrrà una riduzione di alunni, continuiamo a sostenere che il calo demografico deve essere invece l’occasione per un cambio di passo, una opportunità per una didattica personalizzata, per classi a misura di studente. Resta prioritario un investimento sugli organici che garantisca il diritto all’istruzione e un potenziamento del tempo scuola nella primaria“.

Organici docenti 2024-25: 640.441 posti, oltre 126mila sul sostegno. 21.394 i pensionamenti

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri