Organici ATA Puglia, Uil: ancora tagli. “Chiederemo ai Dirigenti Scolastici di consegnare le chiavi delle scuole ai Prefetti”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato Uil Puglia – “Come al solito il Mezzogiorno e la Puglia sono il brutto anatroccolo del Paese, quando si parla di scuola. In queste ore stiamo assistendo alla ennesima, incredibile beffa che penalizzerà i nostri istituti. Se queste sono le premesse del Governo del cambiamento, viene in mente il vecchio adagio secondo cui si cambia tutto per non cambiare niente. Con buona pace dei lavoratori del sistema scuola pugliese e meridionale”.

Gianni Verga, Segretario Generale della UIL Scuola Puglia, commenta così la proposta del MIUR che prevede la redistribuzione di 140 posti di assistente amministrativo e di 379 posti di collaboratore scolastico, in favore esclusivamente delle regioni del nord.

La Puglia, al secondo posto, in senso negativo, della graduatoria, perderà 98 posti rispetto al corrente anno scolastico, con una differenza di soli 17 posti rispetto alla Campania che conta quasi il doppio del numero di scuole della Puglia.

“Un decremento di organico – aggiunge Verga – che si aggiunge a quello degli anni precedenti e che tiene conto della sterile logica della riduzione del numero di alunni, diventata ormai patologica a causa del dilagante fenomeno della migrazione occupazionale. In queste ore stanno pervenendo alle scuole comunicazioni assurde di esuberi di collaboratori scolastici”.

“Chiederemo ai Dirigenti Scolastici di consegnare le chiavi delle scuole ai Prefetti – annuncia Verga -. Gli episodi di cronaca, con i noti atti di violenza ai danni dei lavoratori delle scuole pugliesi e non solo, evidentemente non bastano per far riflettere sul potenziamento della vigilanza nelle scuole e sul lavoro ormai divenuto insostenibile, al limite del burn out, da parte del personale amministrativo”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione