Organici Ata, Mileto (Fgu Gilda -Unams): “Posti insufficienti. Una scelta unilaterale del Ministero che metterà in difficoltà le scuole”

Stampa

“Per il MIUR il totale complessivo dei posti in organico di diritto è di 204.574, con uno scostamento in più rispetto allo scorso anno scolastico di 1.214 unità, dovuto ai 1.000 posti aggiuntivi di Assistente tecnico per gli ISTITUTI COMPRENSIVI a disposizione anche per le assunzioni dal 1 settembre 2021 UNITAMENTE ai 214 DSGA in più, dovuti alla modifica dei criteri sul dimensionamento (art. 1, commi 978 e 979 – 205 Legge di stabilità 2021), CARICANDO SULL’ATTUALE ORGANICO ATA IL TRAVASO DI 2.288 POSTI PER CONSENTIRE LA TRASFORMAZIONE DEI CONTRATTI AGLI EX LSU INTERNALIZZATI”. Lo afferma Michele Mileto, componente della segreteria nazionale Fgu Gilda Unams-Sinatas, a proposito degli organici del personale ATA.

Con questi numeri dati ai Sindacati il Ministero ha dato prova di come vuole confermare le proprie posizioni CONSERVATIVE di mero mantenimento dell’Organico esistente PRE-PANDEMIA, forse non consapevole di quanto l’incremento delle dotazioni organiche è fondamentale alla ripresa EFFICIENTE e in sicurezza delle ISTITUZIONI SCOLASTICHE data la situazione eccezionale VENUTASI A CREARE (forse al MIUR non hanno avuto notizia della PANDEMIA MONDIALE ?)“, prosegue Mileto.

Come FGU GILDAUNAMS – SINATAS denunciamo UNA SCELTA unilaterale del Ministero, che metterà in difficoltà le Istituzioni scolastiche, non GARANTENDO la continuità occupazionale dei tanti PRECARI che si sentono USATI E BUTTATI, non garantendo nemmeno gli organici UTLI ALLA MOBILITA’ e tantomeno la FUNZIONALITA’ delle scuole che si vedranno ridotti gli organici“, insiste il sindacalista che spiega: “la scelta del Ministero è intesa a MANTENERE una posizione conservativa con numeri che non possono essere considerati in un momento storico in cui l’unica opportunità di RIPARTENZA per la comunità scolastica è offrire sicurezza (non bastano vaccini e mascherine) e qualità nei servizi. Forse a Viale Trastevere non si ha contezza delle difficoltà che il personale ATA quotidianamente deve affrontare, FORSE gli ORGANICI ATA, che si basano su Tabelle datate non tenendo conto del cambiamento epocale avvenuto, andrebbero rivisti con il coinvolgimento delle componenti tutte, ascoltando le OO.SS. e non FORNENDO dei dati statistici che forse accontentano il Ministro dell’Economia e delle Finanze MA NON IL MONDO SCOLASTICO TUTTO“. 

Quando l’Onorevole Luigi Gallo, ricorda Mileto, già Presidente della VII COMMISSIONE CULTURA, SCIENZA E ISTRUZIONE proclamava di aver risolto l’annoso problema degli ex-LSU della Scuola avevo scritto una NOTA chiedendo lo stesso IMPEGNO PER I PRECARI TUTTI, ma a veder le tabelle rimane sempre il dubbio che l’impegno e l’attenzione di tutti i nostri parlamentari per la SCUOLA sia sempre VIVO“.

Il Ministro Bianchi, prosegue il sindacalista, si è impegnato a far ripartire la scuola con il Patto per la scuola, il rafforzamento delle dotazioni organiche aggiuntive, con le scelte operate all’interno del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, riconoscendo la centralità del tema della qualità dell’ ISTRUZIONE E DELL’AMPLIAMENTO DEL TEMPO SCUOLA, a cui bisogna prestare la massima attenzione vigilando affinché nessuna risorsa venga sprecata, forse dimenticando che le risorse DEVONO COMPRENDERE oltre al personale DOCENTE di cui si parla già di un piano STRAORDINARIO per l’assunzione, RAFFORZANDO gli organici del PERSONALE ATA con l’incremento dei posti in ORGANICO di DIRITTO adeguando quindi le TABELLE ATA”. 

Chi ha a CUORE la ripartenza della Scuola deve comprendere TENENDO sempre presente che in numeri alle volte devono esser usati per CAMBIARE in meglio il futuro delle nostre Istituzioni scolastiche, AUMENTANDO Gli ORGANICI per garantire un PIANO ASSUNZIONALE STRAORDINARIO del PERSONALE ATA“, conclude Michele Mileto. 

Organici ATA 2021/22: 204.574 posti. Schema di DECRETO e TABELLE suddivisione per profilo e regione

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur