Organici Personale ATA 2024-25: 196.495 posti. Oggi incontro Ministero-Sindacati

WhatsApp
Telegram

Si è svolto oggi l’incontro tra Ministero dell’istruzione e del merito e Organizzazioni sindacali sugli organici del Personale ATA anno scolastico 2024-25. 196.495 i posti. Il Ministero ha presentato ai Sindacati la bozza di decreto e le tabelle allegate.

Al totale dei posti vanno aggiunti i 7.936 posti di DSGA che sono stati uniti a quelli dei Dirigenti scolastici.

Le richieste dei Sindacati

La FLC CGIL ha ribadito che il tema degli organici ha un carattere di assoluta priorità e il loro incremento è indispensabile a garantire la piena funzionalità di tutte le attività scolastiche, compresa quella relativa all’attuazione delle misure per la realizzazione del PNRR ed Agenda Sud fino a tutto il 2026 (dove però si è lavorato al “ribasso”).

Questa resta una questione prevalente anche perché, a fronte di un decremento di circa 120 mila alunni, c’è stato quest’anno un aumento notevole di alunni con disabilità (circa 330 mila), mentre l’ammontare della dotazione organica dei Collaboratori scolastici, che si occupano della loro assistenza, è rimasta invariata. Va fatto un investimento sulla qualità del lavoro per fronteggiare la crescente complessità delle scuole che investe tutte le figure professionali. Vedi, ad esempio, i progetti PNRR, i piani di dimensionamento e l’aumento degli alunni con disabilità.

Queste le prime misure necessarie al funzionamento della scuola: stabilizzare subito nel diritto i 15 mila posti autorizzati nel fatto, estendere la figura dell’Assistente tecnico a tutte le scuole del primo ciclo, approvare un piano straordinario di assunzioni su tutti i posti liberi“.

La FLC CGIL ha, infine, sollecitato al Ministero un incontro urgente (già richiesto) per fare una puntuale ricognizione dei posti residuati del personale ex LSU e Appalti storici, a seguito della terza procedura assunzionale conclusasi il 1° dicembre 2023.

Anief, ha evidenziato che nel decreto interministeriale nelle tabelle dell’organico presentate dal Ministero non compare la nuova classificazione e conseguentemente l’organico previsto per i profili professionali del Collaboratore e dei nuovi profili di “operatore” e “funzionario”. In questo modo, per le nuove figure professionali, non si dà applicazione al Contratto Nazionale di Lavoro del 18/01/2024. Il decreto e le tabelle consegnate devono, pertanto, essere riviste.

Per l’organico dei collaboratori scolastici, Anief propone che le tabelle vengano riviste in base alle realtà delle scuole, senza differenza tra circoli didattici, secondarie di primo grado, istituti comprensivi e secondarie di secondo grado, ormai anacronistica e tenendo conto del:

  • N. di alunni e la loro suddivisione in classi: è necessario che ciascun collaboratore scolastico non abbia la responsabilità di più di due/tre classi, in termini di pulizia e di sorveglianza (1 unità ogni 2/3 sezioni/classi)
  • N. dei Plessi (incremento di n. 1 unità per ogni plesso diverso dalla sede e di 1 unità nel caso di servizi da espletare su più turni);
  • N. dei piani di un plesso (incremento di 1 unità per ciascun piano considerato che un plesso scolastico articolato con più piani non può essere uguale ad un plesso con un solo piano in quanto è necessaria la presenza di un maggior numero di collaboratori sia per la sorveglianza degli alunni che della pulizia degli ambienti scolastici);
  • N. Comuni (incremento di n. 1 unità per ogni Comune ulteriore a quello di ubicazione della sede principale)
  • N. alunni con disabilità e tipologia di disabilità, alunni con disabilità motoria nelle scuole secondarie di secondo grado, soprattutto, necessitano del supporto di più di un collaboratore scolastico per garantire l’uso dei servizi igienici e la mobilità nell’edificio, 1 collaboratore ogni 15 DVA o ogni 10 nel caso di presenza di più di un alunno con disabilità motoria o disabilità grave anziché gli attuali 40)
  • N. di personale con riduzione della capacità lavorative certificate: incremento di 1 unità per ciascun collaboratore con mansionario ridotto per non gravare sul personale in servizio e garantire la pulizia adeguata degli spazi;
  •  Per il tempo normale alla scuola dell’infanzia, tempo pieno per la primaria o prolungato per la secondaria l’attuale assegnazione di 1 unità ogni 250 alunni è riduttiva laddove si consideri che i plessi di erogazione del servizio con diritto a mensa possono essere ubicati in plessi diversi nello stesso Comune o addirittura in Comuni diversi. Sarebbe più aderente alle esigenze della scuola n. 1 unità in più in ogni plesso di scuola dell’infanzia o primaria o secondaria ove è attivato rispettivamente il tempo normale/pieno o prolungato.
  • Gestione di attività pomeridiana e progetti da PTOF, 2 collaboratori aggiuntivi per gli Istituti scolastici che prevedono attività pomeridiane finalizzate alla realizzazione del PTOF.
  • Scuole ad indirizzo musicale secondaria di I grado: incremento di 1 collaboratore scolastico in ogni plesso di attivazione del corso per garantire l’apertura pomeridiana della scuola per lo svolgimento delle lezioni.

Per l’organico degli assistenti amministrativi Anief propone che le tabelle vengano riviste tenendo in considerazione:

  • N. Aree di lavoro: n. 5 di base per ciascuna scuola, tenendo conto dei settori al pari di ogni altra pubblica amministrazione e della necessità di supportare quotidianamente il DS/DSGA;
  • N. Alunni:n. 1 unità aggiuntiva oltre i 900 alunni, n. 2 unità oltre i 1.200 alunni, n. 3 oltre 1.400 e n. 4 oltre 1.700.
  •  N. Reggenze: n. 1 unità aggiuntiva in caso di scuola in reggenza DS e n. 2 unità in caso d scuola in reggenza DS/DSGA;
  • N. di personale con riduzione della capacità lavorative certificate: incremento di 1 unità per ciascun assistente amministrativo con mansionario ridotto;
  • N. Comuni (diverse scuole hanno plessi ubicati in diversi Comuni incremento di n. 1 unità per garantire periodicamente l’erogazione dei servizi amministrativi in ogni Comune spesso delegate a docenti o collaboratori scolastici)

Per l’organico degli assistenti tecnici del secondo ciclo Anief propone che le tabelle vengano riviste tenendo conto del:

  • N. dei laboratori di cui ciascuno avrà la responsabilità, garantendo la presenza di almeno 1 AT per laboratorio, con specifiche competenze;

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri