Organici: 1.090 posti di diritto al sostegno, 500 cattedre in più contro classi pollaio

Oggi 7 aprile 2020 si è tenuta la riunione in videoconferenza sugli organici docenti per l’anno scolastico 2020/2021 fra il Ministero dell’Istruzione e le organizzazioni sindacali.

Gli alunni saranno circa 73.000 in meno anche per il prossimo anno, il calo è cominciato 4 anni fa.

Circa 700 posti di ITP (513) e docenti laureati (184) non ci saranno il prossimo anno, come previsto dalla relazione tecnica di accompagnamento del DLgs 61/2017 sulla revisione dei percorsi degli istituti professionali.

La possibile diminuzione sui posti comuni sarà compensata con l’aumento di posti sul sostegno.

L’amministrazione ha comunicato che ci sarà:

  • un incremento di 500 posti comuni come misura per risolvere in parte il sovraffollamento nelle classi (art. 7, comma 10-octies, decreto-legge cd. Milleproroghe);
  • un incremento di 390 posti potenziamento infanzia (art.1, comma 279, L.160/2019);
  • la stabilizzazione di 1.090 posti di sostegno spostati dall’organico di fatto dei posti comuni (art.1, comma 266, L.160/2019).

Il Ministero presenterà ai sindacati la bozza di circolare sugli organici e delle tabelle puntuali.

Prossimo incontro previsto per la mattina dell’8 aprile.

Segui il nuovo ciclo formativo Eurosofia: “Educazione civica, cittadinanza attiva e cultura della sostenibilità a scuola”