Pensioni Opzione Donna: si può esercitare anche dopo il 2015

di Lucrezia Di Dio
ipsef

Anche se la data di scadenza del regime sperimentale Opzione Donna è fissata al 31 dicembre 2015, l’esercizio dell’opzione potrà essere esercitato anche oltre tale data.

Anche se la data di scadenza del regime sperimentale Opzione Donna è fissata al 31 dicembre 2015, l’esercizio dell’opzione potrà essere esercitato anche oltre tale data.

Con la nota 145949 dello scorso 14 settembre l’INPS ha precisato che le lavoratrici che abbiano maturato i requisiti di decorrenza della pensione per poter esercitare l’opzione donna entro il 31 dicembre 2015, potranno presentare domanda anche in una data successiva.




Questa novità al momento non altera i vincoli imposti dall’Inps lo scorso 2012, i quali stabiliscono che le lavoratrici debbano maturare i requisiti con un anno di anticipo rispetto alla scadenza prevista dalla legge 243 del 2004: entro il 30 novembre 2014 per le lavoratrici del settore privato, entro il 30 dicembre 2014 per le dipendenti pubbliche ed entro il 31 maggio 2014 per le lavoratrici autonome.

L’interpretazione dell’Inps, infatti, prevede che i requisiti anagrafici, contributivi e di finestra devono essere perfezionati per fare in modo che la prima decorrenza per la pensione si trovi entro il 31 dicembre 2015. Con la precisazione del 14 settembre si stabilisce soltanto che la lavoratrice, pur lasciando il lavoro alla data stabilita, possa decidere di optare per il regime sperimentale anche dopo tale date, sempre previa presentazione della relativa domanda accedendo al trattamento pensionistico anche in una data successiva al 31 dicembre 2015.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione