On. Fusacchia: stipendi docenti più alti per chi insegna in aree disagiate, oggi 5 novembre risposta del MIUR

WhatsApp
Telegram

Alessandro Fusacchia, Deputato, membro Commissione VII – Cultura, Scienza, Istruzione, in un post su Facebook indica i punti su cui è intervenuto durante l’audizione del Ministro Fioramonti.

Abbiamo audito ieri il Ministro Fioramonti sulle sue linee programmatiche per il MIUR.

Sono intervenuto per sottolineare alcune delle questioni che mi stanno particolarmente a cuore:

– ho anzitutto chiesto al Ministro i dati aggiornati sul personale di cui il MIUR (a Roma e negli uffici periferici) dispone, perché senza un numero sufficiente di dirigenti e funzionari con le competenze adeguate ogni progetto resta sulla scrivania;

– ho chiesto a che punto sia l’attuazione della norma che internalizza i lavori di pulizia, varata quasi un anno fa;

– ho chiesto di lavorare insieme sull’innovazione didattica per fare in modo che diventi patrimonio di tutta la scuola italiana, non solo di alcune isole felici, e perché l’innovazione contribuisca a ridurre – non aumentare – le disuguaglianze;

– ho voluto ricordare l’importanza della formazione non solo dei docenti ma dei dirigenti scolastici, che – passato un concorso – da ex-insegnanti si ritrovano a gestire una complessità enorme;

– ho invitato il Ministro a dare seguito a quanto dichiarato ieri all’incontro promosso da Legambiente Onlus e Forum Disuguaglianze Diversità, sull’importanza di un intero Governo che fa dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile la priorità, dando un segnale forte sull’allocazione dei suoi fondi europei – centinaia di milioni di euro che dipendono solo da lui – affinché vengano utilizzati con modalità diverse (no micro-finanziamenti a pioggia alle scuole, che spesso alimentano solo progettifici di dubbia qualità) e per insistere su educazione allo sviluppo sostenibile, mobilità in Europa di studenti e docenti, internazionalizzazione del sistema educativo italiano.

– ho ribadito che presteremo molta attenzione al decreto sulla scuola (su cui mi ero già pronunciato qui https://www.orizzontescuola.it/fusacchia-su-concorso-strao…/ ), quando arriverà in Parlamento per la conversione, a partire dalla prova finale: quella, per far sì che sia una vera prova di merito;

– infine, ho proposto al Ministro di introdurre la differenziazione salariale per i docenti che insegnano nelle aree interne (ma si potrebbe estendere alle isole minori, alle aree ultra-remote), nel quadro del rinnovo del contratto degli insegnanti. Una misura che darebbe un segnale forte contro lo spopolamento, contro il disagio di chi non vive nei centri meglio connessi del Paese.

Il 5 novembre il Ministro tornerà a incontrare le Commissioni riunite di Camera e Senato per la replica“.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur