Ok la ripartenza, ma senza trionfalismi esagerati. Lettera

ex

Inviato da Mario Bocola – L’anno scolastico 2020/2021 è appena iniziato, i docenti sono tornati a scuola per gli adempimenti di inizio settembre prima dell’avvio delle lezioni e stiamo cantando vittoria sui rientri in classe degli studenti.

Dobbiamo avere sangue freddo perché la situazione epidemiologica è abbastanza fluttuante, in quanto i contagi salgono e scendono, ma non siamo certamente a zero e nessuna regione italiana può definirsi immune. È vero che la priorità assoluta è la riapertura delle scuole in sicurezza, ma eccessivi trionfalismi sembrano fuori luogo.

La situazione è molto latente e bisogna adottare da parte delle scuole tutte le opportune misure di sicurezza con il distanziamento tra il personale scolastico e gli alunni di un metro, l’uso della mascherina e del gel disinfettante. Purtroppo il virus sta ancora circolando e si sta generando una confusione tra i positivi e gli asintomatici.

Per quanto attiene i test sierologici, nonostante siano facoltativi è bene sottoporvisi onde fugare ogni timore e dubbio di essere stati contagiati. La scuola è ripartita alla grande, ma questa ripartenza ha molte incognite.

Tuttavia non sarà un anno scolastico tranquillo ma sempre denso di incertezze e di paure: noi ci dobbiamo convivere per il bene dei nostri alunni e per far ripartire la scuola, perché senza la scuola il Paese non ha futuro e speranza.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia