Oggi tavolo di lavoro sul reclutamento dei precari con 36 mesi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Oggi 16 maggio 2019 è  convocato il secondo incontro  tra MIUR e sindacati scuola sul reclutamento del personale scolastico, secondo quanto previsto dall’Intesa del 24 aprile 2018.

All’ordine del giorno ci sono le modalità di reclutamento e di abilitazione  dei docenti con 36 mesi di servizio.

Si discuterà anche la valorizzazione degli Ata, compresi gli assistenti amministrativi facenti funzioni di Dsga.

Nel primo incontro il MIUR ha confermato la volontà di eliminare la prova preselettiva per il personale docente con 3 annualità di servizio prevedendo anche una percentuale più ampia di posti riservati per il prossimo concorso ordinario (48.500 posti).

Prevista anche una fase transitoria che preveda un percorso abilitante speciale riservato allo stesso personale, finalizzato all’immissione in ruolo.

Il nodo principale da sciogliere è quello dei numeri (quanti dei 55 potenziali interessati potranno essere ammessi al corso, tutti o solo una parte? e il valore selettivo del corso come sarà strutturato?)

Il discorso non interessa solo i docenti con laurea + tre anni di servizio. Come ha spiegato il segretario generale dello Snals, ci si occuperà di

  • definizione del percorso di abilitazione per i precari con 36 mesi di servizio;
  • stabilizzazione dei docenti che hanno svolto il PAS (percorso abilitante speciale) e il FIT (percorso di formazione iniziale e tirocinio);
  • NO alla prova preselettiva nei concorsi, sia per docenti che per ATA;
  • abilitazione per docenti già di ruolo;
  • rientro docenti “ingabbiati”.
Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione