Oggi in piazza gli studenti “Alternanza scuola lavoro deve essere didattica alternativa, di qualità”

WhatsApp
Telegram

In programma manifestazioni in 70 città italiane. Gli studenti indossano tute blu contro lo sfruttamento e per chiedere un’alternanza di qualità.

“Oggi abbiamo convocato il primo sciopero dell’alternanza scuola lavoro. Chiediamo al ministero dell’istruzione che fine abbia fatto lo statuto delle studentesse e degli studenti in alternanza scuola- lavoro e il codice etico per le aziende? Siamo stanchi di aspettare!», dichiara Francesca Picci, Coordinatrice nazionale dell’Unione degli studenti – “Come studenti viviamo sulla nostra pelle i disagi di questo modello di alternanza scuola- lavoro, noi siamo studenti, non merce nelle mani delle aziende”.

Il coordinatore nazionale della Rete degli Studenti Giammarco Manfreda: ” Vogliamo un’alternanza scuola lavoro che sia una vera forma di didattica alternativa, di qualità per tutti ” continua Manfreda ” Ad oggi continuano a mancare regole che permettano che questo avvenga, criteri che definiscano chi può e chi non può ospitare queste esperienze e siamo stanchi di dover sentire di nostri compagni umiliati in esperienze che di formativi non hanno nulla “.

“Noi vogliamo che si individuino tutor aziendali e percorsi in cui sia garantita la qualità e che ci sia congruenza fra l’alternanza e il percorso di studi. Non è possibile che uno studente vada solo a fare fotocopie, vada a trasportare lettini per sei ore sotto l sole, che sia sfruttato dalle multinazionale solo per fare profitti”, rincara Francesca Picci.

Anche gli Universitari oggi in piazza per denunciare i tirocini – sfruttamento. Andrea Torti, Coordinatore nazionale di Link Coordinamento universitario “Il Governo deve stanziare maggiori risorse in Istruzione e Ricerca. […] L’istruzione deve essere garantita a tutte e tutti abolendo il numero chiuso all’università e istituendo il reddito di formazione universale”

L’elenco delle piazze in cui si svolgeranno le manifestazioni è aggiornato da Studenti.it

Ad alcune delle accuse degli studenti ha già replicato Confindustria Confindustria: siamo lontani dalle industrie che gestiscono male le attività di alternanza scuola-lavoro

Sotto accusa anche i Presidi. Risponde Rembando dell’ANP

“La Treccani ha messo a disposizione la sua biblioteca storica per i classici di Roma ed è stato un successo enorme. L’Eni ha messo a disposizione tutto l’archivio storico a Pomezia con le carte di Mattei e hanno avuto l’assalto da parte delle scuole. Poi se alcune non sono riuscite ad organizzarsi bene, la responsabilità è delle scuole, ma non prendiamo spunti da alcuni fatti negativi per mandare all’aria un provvedimento che è uno dei più innovativi degli ultimi anni.
E’ come se io dicessi che siccome in una scuola ci sono alcuni studenti che vanno male, allora tutta quella scuola è negativa. Cerchiamo di risolvere ciò che non va e non buttare all’aria esperimenti che ci sono in tutta Europa e che fino adesso ci avevano visto all’ultimo posto”.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito