Oggi ho comprato il mio biglietto della lotteria “concorso scuola 2016. Lettera

Stampa

Oggi, dopo 700 km di macchina tra andata e ritorno, ho partecipato al concorso:

Oggi, dopo 700 km di macchina tra andata e ritorno, ho partecipato al concorso:  ho comprato il mio biglietto della lotteria, costatomi il merito acquisito nell’intera carriera di docente, il lavoro di decenni, l’annullamento di una gran parte di vita, rispondendo a delle stupidissime domandine tanto importanti quanto inutili …. non è certo lì che si doveva dimostrare la propria competenza, ma semmai a scuola, attraverso il giudizio degli alunni con i quali si passano tutte le giornate, dei loro genitori, dei colleghi e dei dirigenti, in anni o decenni di partecipazione attiva e di servizio ad uno Stato dimostratosi totalmente ingrato….ma forse sarebbe costato troppo poco…..

Se si fossero dati direttamente i biglietti della lotteria ad ogni insegnante, magari nelle scuole dove già lavoravano senza farli girare come trottole per mezza Italia, per poi passare subito all’estrazione finale, si risparmiavano almeno 300 milioni dei contribuenti e l’inutile tortura psicologica di 165000 esseri umani sempre più demotivati dall’apportare il loro contributo alla crescita culturale e formativa dei ragazzi di questo paese sempre più a pezzi!…..Ma forse è proprio a questo che si mira ….

Mauro Bortolotto

Stampa