Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Da oggi, 4 novembre, si avvia in Italia la commemorazione della prima Guerra mondiale

WhatsApp
Telegram

Red – Oggi, 4 novembre, si apre al pubblico la mostra "Verso La Grande Guerra” al Vittoriano e prende il via ufficialmente la commemorazione della prima Guerra mondiale.

Red – Oggi, 4 novembre, si apre al pubblico la mostra "Verso La Grande Guerra” al Vittoriano e prende il via ufficialmente la commemorazione della prima Guerra mondiale.

La Mostra è inserita nel programma di iniziative messo a punto dal Comitato Storico Scientifico per il centenario della prima guerra mondiale istituito con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 agosto 2012 presieduto dal Sottosegretario Peluffo e, per il Comitato dei Garanti, da Giuliano Amato e costituito dal Ministro per gli Affari europei Moavero e dai sottosegretari all’Interno, agli Esteri e alla Difesa, ai Beni Culturali, Istruzione, Infrastrutture e Sviluppo economico ed è stato stabilito che la data di inizio delle celebrazioni sia fissata anche per l’Italia nell’estate del 2014, anno in cui la prima Guerra mondiale è scoppiata ed anno in cui le commemorazioni avranno avvio in tutti i Paesi coinvolti. Tale decisione è stata assunta, anche se l’Italia ha preso parte al conflitto contro l’Impero Austro Ungarico nel 1915 e contro la Germania nel 1916, tenuto conto della valenza sovranazionale e della dimensione europea dell’evento, e delle conseguenze che comunque si sono riversate nel Paese dal 1914 in poi: la non belligeranza dell’Italia è, comunque, una tappa della storia della Grande guerra.
 
Alla prima Guerra mondiale hanno partecipato circa 6 milioni di italiani con 750.000 morti tra caduti in guerra (680mila) e civili. Il conflitto è costato 157 miliardi di lire (il PIL in quel periodo era di 95 miliardi) impegno economico che sale a 213 miliardi comprensivo di onere finanziario che ha pesato sul bilancio dello stato per 62 anni dalla fine della guerra, cioè fino al 1980.
 
La mostra allestita al Vittoriano prova  a ricostruire il contesto, nazionale ed internazionale che portò nel 1914 allo scoppio delle ostilità con oltre 200 opere tra documenti, dipinti (bellissimo il ritratto di Alaide Banti su divano rosso firmato da Giovanni Boldini nel 1885), disegni (l’originale di Cabiria – Manifesto Fiamme, disegnato da Leopoldo Metlicovitz nel ’12) incisioni, fotografie, libri, oggetti, filmati d’epoca, per raccontare la storia e le passioni di quel lungo periodo che culminò alla fine nel dramma della guerra. Organizzato in sezioni, il percorso espositivo parte dalla crisi che chiude il XIX secolo e attraversa l’età Giolittiana con la rivoluzione industriale, il colonialismo, l’Italia degli inizi del ‘900 tra socialisti e cattolici, per approdare a Gabriele D’Annunzio e alle sue imprese fino allo scoppio della guerra.
 
“Il primo e più importante obiettivo è conseguire la massima partecipazione della popolazione di tutto il Paese con particolare coinvolgimento delle famiglie e del mondo della scuola; assumere una prospettiva internazionale per le iniziative da promuovere unitamente agli altri Stati che hanno preso parte alla prima guerra mondiale, ed in particolare di quelli coinvolti nel fronte italiano; coinvolgere le aree geografiche teatro del conflitto mondiale; valorizzare i luoghi della memoria, il patrimonio storico, artistico e documentario; implementare e arricchire la rete museale e il sistema espositivo”, è quanto ha affermato Paolo Peluffo, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e presidente del Comitato per la commemorazione.

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario infanzia e primaria incontri Zoom di supporto al superamento della prova scritta. Affidati ad Eurosofia