Oggi 30 settembre torna la notte europea dei ricercatori. Tante attività per le scuole per avvicinare gli studenti alle discipline STEAM

WhatsApp
Telegram

Oggi 30 settembre 2022 torna anche in Italia la Notte Europea dei Ricercatori e delle Ricercatrici, l’iniziativa che promuove la diffusione di cultura scientifica. Laboratori aperti, esperimenti dal vivo, spettacoli, conferenze, dibattiti e approfondimenti. Durante l’intera giornata migliaia di scienziati e scienziate, in modo divertente e stimolante, incontreranno il pubblico di ogni età, grandi e piccini, nelle strade, nelle piazze, nei laboratori, nelle università per raggiungere quanti più possibili cittadini.

La Notte Europea dei Ricercatori – scrive il Ministero dell’Università e della Ricerca – è stata pensata con l’obiettivo di informare e sensibilizzare sugli impatti della scienza nella vita quotidiana di tutti e, al tempo stesso, per promuovere le eccellenze della ricerca.

Lezioni, visite guidate, laboratori ad hoc, giochi e gare scientifiche: saranno tantissime le iniziative pensate per le scuole. L’intento è quello di aumentare l’interesse dei giovani per le carriere scientifiche e di ricerca e per le discipline STEAM (acronimo inglese di Scienze, Tecnologia, Ingegneria, Arte e Matematica).

Grazie alla Notte europea dei Ricercatori – spiega il Ministro dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa – tutti siamo invitati a scoprire lo straordinario lavoro che, ogni giorno, queste persone svolgono nell’interesse di tutti. Dovremmo ricordarcelo più spesso e dovremmo stimolare quotidianamente ragazze e ragazze a esplorare questi mondi per trovare ispirazione e guida per il loro futuro. Poter incontrare chi lavora nei laboratori, chi fa calcoli, chi porta avanti esperimenti, chi fa ricerca sulla nostra storia e società è il modo più diretto ed efficace di fare un vero orientamento verso i più giovani“.

Questa iniziativa rende evidente cosa intendiamo quando diciamo che la scuola è comunità” dice il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi. “Studentesse e studenti incontrano le eccellenze della ricerca italiana, hanno la possibilità di osservare direttamente come si costruisce lo sviluppo del Paese. Durante la Notte Europea dei Ricercatori e delle Ricercatrici la conoscenza è in circolo, travalica steccati e diventa ispirazione e sguardo sul domani per le nuove generazioni: si fa orientamento sul campo. Ed è straordinario che a farlo siano donne e uomini che con il loro lavoro costruiscono percorsi di progresso per tutte e tutti“.

Progetti e iniziative

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur