OCSE. Ancora troppi gli insegnanti in Italia e siamo meno preparati in matematica dei finlandesi

WhatsApp
Telegram

L’Ocse ha pubblicato Education at Glance 2014: un documento che fa il punto sulla situazione dell’istruzione nei paesi europei.

L’Ocse ha pubblicato Education at Glance 2014: un documento che fa il punto sulla situazione dell’istruzione nei paesi europei.

Secondo il rapporto in Italia in solo 4 anni il numero dei Neet dal 2008 al 2012 è passato dal 19,2 al 24,6 per cento, con un aumento di cinque punti percentuali: un ragazzo su 3 tra i 20 e i 24 anni è del tutto inattivo. Il tasso di disoccupazione è particolarmente elevato, 1 giovane su 5 tra i ragazzi che non hanno raggiunto un livello di istruzione secondario superiore, tra quanti cioè hanno abbandonato la scuola prima dei 16 anni (più 7,7 rispetto al 2008).

Il numero di insegnanti in Italia è ancora sopra la media dei Paesi Ocse, nonostante i tagli degli ultimi anni:ci sono 12 studenti per ogni insegnante alle elementari e alle medie.Negli altri Paesi la media è di 15 ragazzi/e per ogni docente.L’età media degli insegnanti  è molto più alta della media degli altri Paesi.Solo con la ripresa del turn over la media si riavvicinerà a quella degli altri Paesi.

Nel 2012 il tasso di giovani iscritti all’università era inferiore al 50 per cento (47%), in controtendenza rispetto agli altri Paesi dell’Ocse, nei quali in media 6 studenti su 10 continuano gli studi, e a quelli dell’Unione Europea.

Aumentato il numero delle donne che studiano ingegneria: 4 su 10 laureati sono studentesse infatti, molto meglio che in Germania (2 su 10) e in Gran Bretagna (23%).

In Italia il diploma di scuola superiore è acquisito da due ragazzi su tre: il 72 per cento degli studenti ha il diploma di maturità, mentre nel 2000 soltanto il 59 per cento dei 25-34 enni riusciva a diplomarsi.

 I laureati durante lo stesso periodo sono raddoppiati anche se le cifre restano molto basse: nel 2012 il 22 per cento dei 25-34 enni era laureato.

L’Italia è  quartultima come numero di diplomati ed è ancora un problema  la conoscenza della matematica:  in media un laureato italiano ha le stesse competenze matematiche di un diplomato in Finlandia, Giappone o Olanda.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri